Un museo a spirale per Audemars Piguet

Il design a spirale del Museo Atelier Audemars Piguet è concepito come la molla interna di un orologio. L'inaugurazione è prevista per il 25 giugno 2020

0

Il nuovo Museo Atelier Audemars Piguet, un padiglione in vetro e acciaio che aprirà al pubblico il 26 giugno, si erge su una collina erbosa tra i due edifici della compagnia del XIX secolo qui – qualcosa di simile a un ponte tra il suo passato e futuro.

Lo studio danese di architettura Bjarke Ingels Group (BIG) ha presentato il suo ultimo progetto: il Museo Atelier Audemars Piguet . L’elegante edificio in vetro a forma di spirale di 25.800 piedi quadrati con un tetto coperto di erba è pronto ad aprire le porte al pubblico il 26 giugno 2020.

Un museo che sorge accanto al laboratorio originale Audemars Piguet . Dove Jules Louis Audemars e Edward Auguste Piguet aprirono il loro laboratorio nel 1875. Situato nel villaggio di montagna di Le Brassus. Un villaggio nella Vallée de Joux nel Canton Vaud, in Svizzera. In lontananza, un piccolo fiume, l’Orbe. Sullo sfondo, il bordo delle foreste del Giura. Paesaggi tranquilli di Le Brassus dove, sempre al primo gelo, l’inverno spiega il suo mantello bianco. Ed ora, il sole primaverile riscalda le verdi colline mostrando il verde paesaggio di campagna.

In questo scenario dove da oltre 144 anni i resti del passato si mescolano ora con le forme futuristiche curvilinee, sorge la struttura a spirale progettata dal BIG. Dopo aver vinto un concorso di architettura, nel 2014, ospitato da Audemars Piguet per espandere i suoi locali. Il nuovo edificio segue gli stessi concetti che sembrano aver catturato l’immaginazione del famoso architetto Bjarke Ingels. Lo spazio artistico The Twist nel parco di sculture di Kistefos in Norvegia a forma di ponte.  Un edificio letteralmente contorto il cui interno sembra qualcosa come “cadere nel paese delle meraviglie”.

Il Museo Atelier Audemars Piguet è ospitato in un edificio a doppia spirale dove le stanze sono separate da pareti di vetro. Tale sistema consente una visione completa del laboratorio-museo e del paesaggio circostante. L’esterno è avvolto da una protezione solare a forma di nido d’ape in ottone e acciaio,  In modo da offrire, quando necessario, ombra.  Il progetto è ispirato all’elemento dell’orologio che immagazzina e fornisce l’energia all’orologio. All’interno, le pareti di vetro curvo convergono in senso orario per incanalare i visitatori attraverso l’edificio come se stessero camminando all’interno della molla di un orologio.

Il progetto di Bjarke Ingels Group

Nel 2014, BIG (Bjarke Ingels Group) ha vinto il concorso di architettura indetto da Audemars Piguet  con lo scopo di espandere i suoi locali storici. Lo studio progettò un moderno padiglione di vetro a forma di spirale per integrare l’edificio più antico dell’azienda. Questa combinazione architettonica simboleggia la fusione della tradizione e lungimiranza nel cuore dell’artigianato di Audemars Piguet. Mentre. Onora le sue origini radicate nella Vallée de Joux. La spirale che si eleva senza soluzione di continuità da terra, offre uno scenario incontaminato per i capolavori di tecnicità e design. C he hanno preso forma, anno dopo anno, in questa remota valle delle montagne del Giura svizzero.

Le tradizionali officine, dove alcuni degli orologi della Manifattura sono ancora oggi perfezionati, sono state incluse nel museo. Permettendo ai visitatori di essere a stretto contatto con gli artigiani di Audemars Piguet. Nel laboratorio di Grandes Complications, un singolo orologio viene assemblato scrupolosamente da 648 pezzi nel corso di otto mesi. Nel frattempo, durante il secondo seminario, i Metiers d’Art, i gioiellieri e le gemme incastonatrici lavorano sulle collezioni della Haute Joaillerie.

Oggi, il Museo Atelier Audemars Piguet offre una prospettiva unica della Vallée de Joux e della storia dell’orologeria. Un ambizioso progetto architettonico e museografico reso possibile grazie alla creatività e alla collaborazione di una serie di esperti. Tra cui architetti, ingegneri e artigiani locali , nonché numerosi dipartimenti all’interno di Audemars Piguet. Tutti gli individui coinvolti hanno spinto i limiti del loro mestiere per raggiungere nuove vette.

Il padiglione a spirale del Museo Atelier, progettato da BIG e realizzato dall’ufficio svizzero di architettura CCHE, si erge perfettamente su di una generosa vetratura curva. Un’impresa di ingegneria e design, la prima del suo genere ad essere costruita a tale altitudine. I vetri curvi supportano interamente il tetto in acciaio, mentre una rete in ottone corre lungo la superficie esterna per regolare la luce e la temperatura. Il tetto verde aiuta ulteriormente a regolare la temperatura, mentre assorbe l’acqua.

Un continuum fluente con una narrazione composta

Nel nuovo edificio pieno di luce, ATELIER BRÜCKNER ha incorporato un percorso che scorre ritmicamente attraverso la mostra. Inizia nell’edificio storico e, andando in senso orario, degrada dolcemente nel cuore della spirale. Dopodiché si rialza nella direzione opposta, piena di energia come le molle di un orologio. I visitatori sperimentano il percorso come un continuum fluente con una narrazione composta. Ogni capitolo ha il suo linguaggio di design ed è introdotto da un interludio, una scultura meccanica o un oggetto di visualizzazione progettato artisticamente. Le vetrine sono posizionate esattamente all’interno dell’architettura.

In un banco di lavoro, i visitatori possono rievocare gli aspetti tecnici e di progettazione di questo mestiere, nonché il processo di progettazione. In questo momento, divene evidente la difficoltà del lavoro svolto dall’orologiaio professionista. I seminari per “Grandes Complications” e “Métiers d`Art” sono integrati con il percorso esteso attraverso la mostra e possono essere visualizzati in qualsiasi momento. Il grado di concentrazione richiesto dal lavoro può essere percepito direttamente; richiede abilità artigianale di incredibile precisione.




La struttura a spirale del museo riecheggia negli orologi situati al centro della spirale. Le complicazioni astronomiche, inquietanti e cronografiche nel cuore del marchio Audemars Piguet orbitano attorno all’orologio da tasca Universelle, del 1899. Il più complicato ‘orologio che Audemars Piguet abbia mai creato. Presentato in una sfera di vetro, per cui la parte anteriore e quella posteriore sono mostrate come viste ugualmente preziose.

Il design ricorda un sistema solare con pianeti che ruotano attorno al sole sulle loro orbite. Dopo tutto, i cicli astronomici sono ciò che determina l’essenza dell’orologeria. La mostra di orologi termina quindi con una ricca collezione di Royal Oak, Royal Oak Offshore e Royal Oak Concept.

La spirale è stata progettata per integrare perfettamente il paesaggio circostante. I piani seguono diverse inclinazioni per adattarsi al gradiente naturale del terreno e fornire la base della disposizione interna del museo, allungata in un’esperienza spaziale lineare continua. All’interno, le pareti di vetro curvo convergono in senso orario verso il centro della spirale, prima di spostarsi nella direzione opposta: i visitatori viaggiano attraverso l’edificio come farebbero attraverso la molla di un orologio.

 

Felicia Bruscino

 

Source Photo by Heather Zabriskie

Leave A Reply

Your email address will not be published.

Cliccando su Accetta, acconsenti all'utilizzo dei cookie e di eventuali dati sensibili da parte nostra; secondo le normative vigenti GDPR. More Info

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi