Un nuovo minerale: scienziati russi scoprono la Petrovite

Lo studio sul nuovo minerale è stato pubblicato su Mineralogical Magazine.




Chiamatela Petrovite

Nuovo minerale: cono di scorie
Nuovo minerale: i coni di scorie sono ammassi di frammenti di lava solidificata presentanti un cratere alla sommità. (credits: Cinder Cone Arial under CC2.0)

Un nuovo minerale si aggiunge alla lista di quelli noti grazie a un team di ricerca russo. Stanislav Filatov dell’università di San Pietroburgo e il suo team hanno passato oltre 40 anni a studiare le fumarole del Kamchatka. Infatti, il team si è occupato della mineralogia completa dell’area, dai coni di scorie ai flussi di lava. Le fumarole si sono formate a seguito di due  eruzioni del vulcano Tolbachik – nel 1975/1976 e nel 2012/2013. Questo rende la zona unica nella sua diversità mineralogica. Così, negli ultimi anni i ricercatori hanno scoperto dozzine di nuovi minerali, molti dei quali sono unici al mondo. L’ultimo arrivato ha ricevuto il nome di Petrovite.

Di gas e di lava

Nuovo minerale: Petrovite
Nuovo minerale: Petrovite (credits: SPbU)

La petrovite scoperta degli scienziati dell’Università di San Pietroburgo (Na10CaCu2 (SO4) 8), si presenta come aggregati globulari blu di cristalli tabulari (esagonali, a forma di colonna appiattita, con inclusioni gassose). “L’atomo di rame nella struttura cristallina della petrovite ha una struttura insolita e molto rara di sette atomi di ossigeno. Ciò è caratteristico solo di un paio di composti,  come la saranchinaite scoperta dai nostri colleghi dell’Università di San Pietroburgo, il gruppo di ricerca del professor Oleg Siidra “, ha affermato il responsabile del progetto, il professor Stanislav Filatov.

Nuove frontiere mineralogiche

Il minerale ha in se atomi di ossigeno, sodio, zolfo e rame. Gli elementi formano una struttura porosa e i vuoti sono collegati tra loro da canali attraverso i quali possono muoversi atomi di sodio relativamente piccoli. Per queste caratteristiche il team ipotizza che la struttura della petrovite prometta bene per la conduttività ionica. Inoltre, pensano sia un buon materiale catodico per batterie agli ioni di sodio. “Al momento, il problema più grande per questo uso è la piccola quantità di un metallo di transizione – il rame – nella struttura cristallina del minerale. Potrebbe essere risolto sintetizzando un composto con la stessa struttura della petrovite in laboratorio “, ha affermato Filatov. La composizione chimica del minerale è stata determinata da Svetlana Moskaleva, ricercatrice associata presso l’Istituto di vulcanologia e sismologia della sezione dell’Estremo Oriente dell’Accademia delle scienze russa.

Approfondire i minerali

Anche se che la maggior parte delle scoperte recenti  di mineralogisti e cristallografi dell’Università di San Pietroburgo vengono alla penisola di Kamchatka, gli scienziati scoprono molti nuovi minerali nei luoghi più insoliti. Tra i reperti nel 2008-2017 ci sono campioni della Yakutia polare, della penisola di Kola (deposito di Kovdor), di Israele (deserto del Negev), della Grecia, della Tanzania, del Sud Africa, della Giordania e molti altri. Maggiori informazioni su queste scoperte possono essere trovate alla mostra virtuale del Museo Mineralogico dell’Università di San Pietroburgo sulla piattaforma IZI.Travel.



Daniele Tolu

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *