Un piede in due scarpe – Il libro di Bruno Morchio

Genova nasconde un segreto: chi ha ucciso l'avvocato Luca Latorre?

Fonte: Rizzoli
0

Un piede in due scarpe è un libro scritto da Bruno Morchio e pubblicato da Rizzoli (ottobre 2017). Il romanzo, un giallo, è ambientato a Genova, nel 1992, e racconta le vicende di Paolo Luzi, uno psicologo sulla quarantina, il quale si trova, suo malgrado, immischiato in una faccenda abbastanza complicata. Una nuova paziente, Teresa Gorrin, si presenta nel suo studio con la richiesta di farla desistere dal compiere un omicidio. Ai danni di chi? Del suo amante, un giovane avvocato che risponde al nome di Luca Latorre.



Fonte: Rizzoli
Il dott. Luzi, sebbene appaia esterrefatto dalla supplica fattagli dalla giovane donna, riesce a mantenere una certa lucidità. Questo anche in virtù di una capacità, chiamiamolo “intuito”, che gli permette di riconoscere le confessioni veritiere dalle menzogne. Un dono non da poco per uno psicologo e, soprattutto in previsione di ciò che accadrà da quel momento. Nella confidenza di Teresa Gorrin, lo psicologo non avverte alcuna reale minaccia tanto da liquidarla in poco tempo. Il caso vuole che, alcuni giorni dopo, il giovane avvocato Latorre venga freddato con due colpi di pistola. L’unica sospettata? Ovviamente Teresa Gorrin.

 

A occuparsi del caso è il commissario della Questura di Genova, Diego Ingravallo (come nel “pasticciaccio” del romanzo di Carlo Emilio Gadda). Lo psicologo Luzi, certo dell’innocenza di Teresa, si mette a sua completa disposizione iniziando così una sorta di indagine congiunta con la polizia. Le ricerche portano alla luce una situazione molto più complessa di quanto ci si aspettasse. Fanno la loro comparsa un gruppo di amici, chiamati “gli inseparabili”, rimasti in contatto tra loro fin dai tempi del liceo. Che ruolo avranno all’interno della vicenda? Riuscirà il commissario Ingravallo a districare le fitte trame della vicenda con l’aiuto dell’intuito del dottor Luzi? Non resta che scoprirlo leggendo questo interessantissimo giallo dal titolo “Un piede in due scarpe”
.

 

Porto di Genova
Un piede in due scarpe è un romanzo nel quale convivono tante riflessioni diverse. La base sulla quale poggia il tutto è sicuramente la necessità di scoprire la verità. Lo stesso dono del dottor Luzi è proiettato a questo obiettivo. Riuscire a capire chi è sincero da chi mente. Ricostruire la vicenda significa trovare i nessi eziologici tra i fatti, con delle prove, e non facendo affidamento alle semplici dichiarazioni delle persone coinvolte. Da una parte la realtà, dall’altra un teatro di bugie, affetti non pienamente corrisposti e legami dalla dubbia natura. I sentimenti giocano un ruolo essenziale. A essi viene dato spazio nella trama principale, ma anche nelle digressioni che riguardano i pazienti del dottor Luzi. Lo psicologo, sebbene sia moralmente preso dall’omicidio di Latorre, non può dimenticare il proprio lavoro. I frammenti che ruotano intorno al filone principale, offrono vari spunti di riflessione sull’amore, sull’amicizia e sulla condizione umana.
Bruno Morchio, abbandonando momentaneamente il proprio personaggio di spicco, Bacci Pagano, regala ai lettori la possibilità di conoscere e, magari, affezionarsi a un nuovo protagonista, lo psicologo/investigatore Paolo Luzi.

Giuseppe Bua

Leave A Reply

Your email address will not be published.

Cliccando su Accetta, acconsenti all'utilizzo dei cookie e di eventuali dati sensibili da parte nostra; secondo le normative vigenti GDPR. More Info

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi