Una nuova teoria postula molteplici origini della vita

Nuove teorie sull’ origini della vita. C’è un inizio multiplo, diverso da quello che conosciamo? Solitamente, quando si parla dell’origine della vita sulla Terra, nella mente di molti l’idea di diversificazione si sviluppa da un primo “respiro” individuale. Chris Kempes e David Krakauer – scienziati del Santa Fe Institute (USA) – hanno presentato una nuova teoria  che  contempla un’ origine multipla della vita.

Nel corso della storia, gli scienziati di tutto il mondo hanno cercato di capire le origini della vita. Ma, fino ad ora tutti hanno inteso l’origine come un qualcosa di lineare. Le attuali teorie sull’origine e la storia della vita sulla Terra si basano sul presupposto che la vita sia sorta, sul nostro pianeta, in un dato momento. E, da quel momento in poi, si sarebbe diversificata e ampliata per dare origine a tutta la biodiversità attuale.

Chris Kempes e David Krakauer, scienziati del Santa Fe Institute (USA), vogliono mettere da parte questa teoria. Sostengono, infatti, che, per comprendere le origini della vita, è necessario vederle da un contesto più ampio, a causa delle grandi varietà di vita che esistono nell’universo .

In un articolo pubblicato sulla rivista scientifica Journal of Molecular Evolution, Chris Kempes e David Krakauer, hanno proposto una nuova teoria. Secondo cui la vita potrebbe essersi evoluta più volte e indipendentemente. I ricercatori sostengono che, per poter riconoscere e comprendere l’intera gamma delle forme di vita, occorre sviluppare un nuovo quadro teorico.

In breve, questa nuova teoria considera la vita come informazione adattiva e adotta l’analogia del calcolo per catturare i processi fondamentali della vita. L’ampia gamma di vita che esiste ci costringe a vedere le forme di vita che abitano il nostro pianeta ed è necessario abbattere alcuni concetti consolidati e costruirne di nuovi.




Questa teoria consiste in una struttura a tre strati. Primo, lo spazio completo dei materiali in cui sarebbe possibile la vita (genoma e cellule). In secondo luogo, le restrizioni che limitano l’universo della vita possibile. Ad esempio il fabbisogno energetico. E infine, i processi di ottimizzazione dei ruoli che guidano l’adattamento.

In generale, il framework vede la vita come un’informazione adattiva e adotta l’analogia del calcolo per catturare i processi fondamentali della vita. In questo modo si parla di origine dell’hardware (substrato fisico) e del software (funzione evoluta).

Una teoria che pone molteplici origini della vita

Il nostro modo di vedere le cose spesso include un inizio e una fine, questa idea potrebbe concludersi con la teoria di Kempes e Krakauer . Una teoria che postula che la vita abbia origini multiple. In questo caso, quando si pensa a un nuovo modo di vivere, può essere dato in qualsiasi momento e non è solo un adattamento di esso.

Secondo gli autori, quando i ricercatori si concentrano sui tratti di vita dei singoli organismi, spesso trascurano fino a che punto la vita degli organismi dipenda da interi ecosistemi. Come loro materiale fondamentale. E ignorano anche i modi in cui un sistema di vita può essere più o meno vivo.

Nel quadro di Kempes-Krakauer, al contrario, appare un’altra implicazione:

La vita diventa un continuum piuttosto che un fenomeno binario. A questo proposito, gli autori indicano una serie di recenti sforzi che quantitativamente collocano la vita su uno spettro.

Adottando una visione più ampia dei principi della vita, Kempes e Krakauer sperano di generare teorie più fertili per lo studio della vita. Con principi più chiari per trovare forme di vita e una nuova gamma di possibili forme di vita che emergono da nuovi principi.

La cultura umana vive sul materiale delle menti, proprio come gli organismi pluricellulari vivono sul materiale degli organismi unicellulari. Prendendo questa visione della vita, Kempes e Krakauer sperano di generare teorie più complete per lo studio della vita , con principi più chiari per trovare forme di vita e una nuova gamma di possibili forme di vita che emergono da nuovi principi.

Krakauer spiega che non è solo una nuova prospettiva di cosa sia la vita, ma con essa sperano di generare gli strumenti necessari per costruire dispositivi per trovare la vita, per crearla nei laboratori e per riconoscere fino a che punto sta ‘vivere la vita che vediamo’.

 

Felicia Bruscino

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *