UNHCR: stop ai rimpatri forzati nella Repubblica Democratica del Congo

Dalla parte di chi lotta per essere riconosciuto, dell'essere umano e dei suoi diritti.
Contribuisci a preservare la libera informazione.

DONA

L’Agenzia delle Nazioni Unite per i rifugiati (UNHCR) chiede la sospensione dei rimpatri forzati per i richiedenti asilo.  Dovrebbero essere vietati nella Repubblica Democratica del Congo a causa della crescente minaccia di violenza Questo quanto affermato da Elizabeth Tan, Direttore della Protezione Internazionale dell’UNHCR.

La Repubblica Democratica del Congo è un paese ricco di risorse, ma irto di conflitti e violenze. Il Paese sta attualmente vivendo la più grande crisi di sfollamento in Africa. E’ teatro di una delle crisi umanitarie più complesse e di lunga data del mondo. Concentrata in particolare nella parte orientale. Più di 2,1 milioni di persone sono state costrette a fuggire dalle proprie case, solo nel 2017. L’equivalente di una media di 50 famiglie in fuga ogni ora, ogni giorno.

Una governance debole, la mancanza di infrastrutture e un’economia stentata, insieme a due decenni di conflitti, hanno portato a una delle crisi più ignorate e dimenticate al mondo. Ribadendo la sua richiesta di vietare i rimpatri forzati, verso l’est province di Nord Kivu, Sud Kivu e Ituri. Anche di richiedenti asilo la cui domanda è stata respinta.

Ecco perché l’ennesimo pronunciamento dell’UNHCRAgenzia ONU per i Rifugiati, che ha emanato un rapporto aggiornato sui rimpatri verso le regioni orientali. Martoriate dai conflitti della Repubblica Democratica del Congo.

L’UNHCR invita inoltre gli Stati a concedere ai rifugiati l’accesso al loro territorio ea trattarli in conformità con la Convenzione dell’OUA del 1969. Che disciplina gli aspetti specifici dei problemi dei rifugiati in Africa. E la Convenzione del 1951 relativa allo status dei rifugiati. E’ preoccupato per l’aumento degli attacchi contro i civili, e chiede la sospensione dei rimpatri forzati, compresi quelli per i richiedenti asilo, la cui richiesta è stata rifiutata.

Elizabeth Tan ha lanciato l’appello per la fine delle deportazioni dei rifugiati dalle province di Nord Kivu, Sud Kivu e Ituri, anche nei casi in cui le loro richieste di asilo sono state respinte.

L’organizzazione ha citato come esempio un attacco a un campo profughi di febbraio , durante il quale militanti del gruppo di milizie della Cooperativa per lo sviluppo del Congo (CODECO). Armati di machete e altre armi, hanno attaccato civili nella provincia di Ituri della Repubblica Democratica del Congo. Uccidendo 58 civili e ferendone 36. Si stima che circa 5,6 milioni di congolesi siano stati sfollati interni a causa di conflitti interni nel Paese. Di cui 4,9 milioni sono dovuti fuggire a causa delle ostilità nel Nord Kivu, nel Sud Kivu e nell’Ituri.

 


Da febbraio, attacchi come questo hanno provocato la morte di oltre 1.000 rifugiati, in cerca di un rifugio sicuro o nel tentativo di ritornale nelle loro case. Dall’inizio del 2022, l’UNHCR ha registrato più di 50.000 violazioni contro i diritti della popolazione civile, inclusi rifugiati e gli sfollati interni.

L’escalation del conflitto armato sta ulteriormente esacerbando la situazione. Dal 20 ottobre, 188.000 persone sono state sfollate a causa degli scontri tra il gruppo ribelle Movimento 23 de Marzo (M23) e l’Esercito Nazionale Congolese.  Anche prima dell’ultimo picco di sfollati, si stima che circa 5,6 milioni di congolesi fossero sfollati interni.

Un altro milione ha trovato rifugio in 22 paesi africani, rendendola una delle più grandi crisi umanitarie del mondo. La stragrande maggioranza, 4,9 milioni, erano sfollati interni per via del conflitto nel Nord Kivu, nel Sud Kivu e nell’Ituri. Mentre quasi 700.000 sono stati sfollati a causa delle condizioni meteorologiche estreme.

 

Le esigenze umanitarie continuano ad aumentare e l’accesso umanitario è notevolmente limitato. mentre i programmi umanitari sono gravemente sotto finanziati. L’UNHCR ha ricevuto solo il 43% dei fondi necessari quest’anno con meno di 6 settimane prima della fine del 2022.

Gli Stati hanno la responsabilità legale e morale di consentire a coloro che fuggono dal conflitto in corso di cercare sicurezza, ottenere asilo in linea con la Convenzione dell’OUA del 1969. E, ove applicabile, ai sensi della Convenzione sui rifugiati del 1951, e di non rimpatriare forzatamente i rifugiati. L’avviso dell’UNHCR contro i rimpatri forzati nelle province della Repubblica Democratica del Congo di Nord Kivu, Sud Kivu e Ituri rimarrà in vigore fino a quando le condizioni non miglioreranno abbastanza da consentire rimpatri sicuri e dignitosi.

 

Felicia Bruscino 

Stampa questo articolo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *