Uno splendido affresco indonesiano dipinto 44.000 anni fa

Uno splendido affresco indonesiano: una scena di caccia dipinta in una grotta. Si ritiene che sia la più antica rappresentazione figurativa del mondo, effettivamente l’affresco risale a 44.000 anni fa.

Con le sue figure metà umane e metà animali, la scena di caccia scoperta sull’isola di Celebes rivela l’esistenza di una cultura artistica di successo, persino l’inizio di una religione, risalente a 44.000 anni fa. Gli archeologi la considerano la più antica rappresentazione narrativa al mondo.

Secondo uno studio pubblicato su Nature l’11 dicembre, il lavoro si estende per oltre 4,5 metri di larghezza e illustra sei mammiferi (maiali selvatici e bufali nani) inseguiti da cacciatori armati di corde e lance. Le figure che compongono il gruppo di cacciatori, chiamate “therianthropes”, sono disegnate con il corpo di un uomo, ma con la testa di un animale.

I risultati della ricerca condotta sono stati presentati dagli archeologi della Griffith University di Brisbane, in Australia. Hanno dettagliato i diversi elementi visivi della scena. Ci sono otto di queste figure per metà umane e per metà animali che sembrano uomini ma hanno una coda e un muso animali.




Il team di ricercatori ha datato l’affresco usando un metodo di datazione molto preciso, usando l’uranio-torio sulle bolle minerali trovate sul dipinto. Jean Clottes, uno specialista in arte preistorica, ribadisce l’importanza della scoperta che mette in luce la cultura evoluta di queste persone, contrariamente a quanto si potrebbe pensare.

La più antica scena di caccia nell’arte preistorica

L’opera risale al Paleolitico superiore ed ha “almeno 43.900 anni”. I ricercatori l’hanno descritta come “la più antica scena di caccia nell’arte preistorica“. Punto chiave dell’affresco indonesiano, è la presenza di una narrazione, che non è mai stata osservata in un’opera di questo periodo. E, secondo i ricercatori, è persino “la più antica opera d’arte figurativa al mondo”. Altre rappresentazioni preistoriche scoperte su siti europei e risalenti a 14.000 a 21.000 erano precedentemente considerate le opere più antiche della storia.

Come nel caso dei famosi affreschi di Chauvet e Lascaux, hanno rispettivamente 20.000 e 35.000 anni. Nel 2015, un frammento di roccia è stato trovato dipinto in Sudafrica 73.000 anni fa. Ciò non toglie che la grotta indonesiana potrebbe ospitare la più antica rappresentazione animale del mondo. Affresco indonesiano più antico dell’umanità.

Le figure filiformi che rappresentano i cacciatori, disegnate con pigmenti rossi, sono semplificate e molto stilizzate. Secondo Adam Brumm, archeologo della Griffith University. queste figure terziarie potrebbero dimostrare la capacità dell’uomo di concepire cose che non esistono in natura, un concetto di base alla base della religione moderna. Queste creature ibride sarebbero forse l’espressione di una “spiritualità fondata su un legame speciale tra uomini e animali.

Un inizio di religione?

Un altro punto importante affrontato dai ricercatori sono le rappresentazioni per metà umane e per metà animali. Queste cosiddette immagini terianthropiche potrebbero anche essere la prima prova della capacità umana di concepire cose che non esistono in natura. Un concetto di base che sta alla base della religione moderna.

Quest’arte potrebbe esprimere ” una spiritualità basata su un legame speciale tra uomini e animali “. In altre parole, ancora una volta, le prime culture religiose avrebbero potuto mettere radici in questa regione del mondo.  E, non in Europa come precedentemente suggerito.

Ovviamente, tutto ciò che riguarda l’arte è soggetto a interpretazione. Ad esempio, considerando  le sottili linee rosse, non si può  dimostrare che si tratti effettivamente di lance o corde. Ad ogni modo la questione fondamentale riguarda  la conservazione di questi dipinti, già gravemente danneggiati.  Maxime Aubert spiega che la superficie della grotta esfolia come se si stesse staccando.  Ogni anno, pezzi di grandi dimensioni scompaiono e non si sa esattamente perché.

Molto probabilmente il cambiamento delle stagioni dei monsoni, il riscaldamento globale accelerino il degrado di questa tabella. Effettivamente, l’alternanza di umidità e siccità è più supportata. Anche l’inquinamento locale potrebbe svolgere un ruolo distruttivo. Nel frattempo, i ricercatori stanno cercando di raccogliere fondi per digitalizzare queste tabelle con scanner laser.

 

Felicia Bruscino

Photo by Brett Jordan on Unsplash

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *