Urban Impulses: la fotografia latino americana dal 1959 al 2017

Urban Impulses: da Cuba all’Argentina, la nuova mostra fotografica mette in luce le rivolte e le rivoluzioni che hanno caratterizzato l’ultimo mezzo secolo.

Il progetto Urban Impulses: la fotografia latino americana è un saggio visivo su una città che trova un senso nel proprio movimento. La mostra copre mezzo secolo di fotografia latinoamericana con diverse centinaia di immagini scelte dalla collezione Leticia e Stanislas Poniatowski. La prospettiva qui sembra ricostruire gli immaginari delle città di questo continente in opere realizzate dagli stessi fotografi. Coinvolti nella creazione dell’identità in conflitto .

La collezione  mostra le contraddizioni di un continente ibrido, tra il mondo pre-ispanico e post-coloniale, e la società di mercato che inevitabilmente si impadronisce dei processi che consolidano le città. Vediamo qui il passaggio da rurale a urbano, o meglio ancora, in che modo il rurale e il popolare convivono nella metropoli sognata.

Riconosce i significativi eventi storici che hanno segnato la regione – tra cui la rivoluzione cubana, le dittature militari in Argentina, Brasile, Cile e Paraguay e movimenti sociali di massa. In queste aree, i risultati dell’attivismo artistico e politico possono essere visti in tutto il paesaggio urbano, attingendo a una varietà di mass media tra cui la grafica, la copia fotografica e la stampa.




Ernesto Che Guevara nel 1958 disse: “Io non sono un liberatore: i liberatori non esistono. Sono i popoli che si liberano da sé”, giusto un anno prima che la rivoluzione cubana trasformasse il paesaggio dell’America Latina.

Questo storico movimento per l’indipendenza dall’imperialismo occidentale segna il punto di partenza della nuova mostra Urban Impulses: Latin American Photography dal 1959 al 2017 . A cura di María Wills Londoño e Alexis Fabry. LA mostra presenta oltre 200 opere di oltre 70 artisti; compresi i maestri del medium Alberto Korda, Graciela Iturbide, Sergio Larrain. Così come artisti meno noti come Enrique Zamudio, Beatriz Jaramillo e Yolanda Andrade.

Urban Impulses: Latin American Photography dal 1959 al 2017 

Organizzata in due temi, Shouts e Popular , la mostra esplora il ruolo della città come forza politica e culturale. Uno spazio per gli artisti che possono letteralmente scendere in strada per creare e condividere il proprio lavoro. Riconoscendo la particolarità dei singoli paesi.

I curatori si sono esposti per mettere in luce queste distinzioni evidenziando, allo stesso tempo, le caratteristiche comuni di un popolo un tempo colonizzato. Un popolo che manifesta il proprio destino e le lotte che devono affrontare dall’interno.

 Shouts  esamina il ruolo della fotografia nel documentare identità e presenze, ma anche come arma contro il silenzio . Quando, di fronte ai rapimenti e alle sparizioni forzate condotte da regimi autoritari, la legge non è riuscita a ottenere giustizia, i muri delle città diventano un luogo di comunicazione di messaggi potenti .

Questi slogan e grida di protesta sono stati catturati da molti fotografi, riflettendo la rabbia e il cinismo, le speranze e le frustrazioni dei residenti delle città in queste immagini.

D’altra parte, Popular esplora come gli artisti hanno estratto i tropici dei mass media e la loro manifestazione negli spazi pubblici ; hanno catturato il rapido sviluppo della regione seguito dalla ricchezza delle immagini della cultura pop adattate al suo contesto. Queste opere ci mostrano l’America Latina come  un pastiche del passato e del presente, del locale e dell’internazionale .

Urban Impulses: Latin American Photography dal 1959 al 2017 è in mostra  alla Photographer’s Gallery di Londra dal 14 giugno fino al 6 ottobre 2019 . Sarà accompagnato da un catalogo a colori in doppia lingua.

 

Felicia Bruscino
Photo by Mark Sayer on Unsplash

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *