USA: Sarah McBride è la prima senatrice transgender

USA: Sarah McBride è la prima senatrice transgender. Importante attivista per i diritti LGBTQ, la McBride sembra aver conquistato gli elettori del Delaware.

Ha 30 anni la nuova senatrice dello Stato del Delaware, Sarah McBride, prima transgender a ricoprire una carica statale così rilevante. Attivista per i diritti della minoranza LGBTQ, nella corsa al senato la McBride non ha avuto problemi a prevaricare sullo sfidante repubblicano Steve Washington, aggiudicandosi la vittoria politica. Un risultato notevole in un periodo storico in cui la politica americana continua a macchiarsi di atti discriminatori su più livelli. L’ultimo provvedimento dell’amministrazione Trump, infatti, introduceva nuove limitazioni alle persone trans nell’ambito dell’assistenza sanitaria.

Chi è la senatrice

Classe 1990, Sarah McBride si è fatta conoscere dai media americani già anni fa, mentre frequentava l’università, per essere diventata rappresentante degli studenti dell’American University. Fervida attivista, è stata per anni segretaria della stampa nazionale di Human Rights Campaign (HRC),associazione di prim’ordine nella lotta per i diritti civili. Poi il passo storico, nel 2012. La McBride fu la prima transgender a lavorare alla Casa Bianca, come stagista durante l’amministrazione Obama. Nel 2016 poi l’esordio politico, con la partecipazione alla convention nazionale dei democratici.




Con l’86% di voti Sarah McBride vince, tuttavia la battaglia per i diritti civili e gli ideali democratici è ancora lunga. Intanto, le lotte perseguite finora sono raccolte nel suo libro, Tomorrow will be different. 

Spero che la vittoria di questa notte possa mostrare ai ragazzi LGBTQ che nella nostra democrazia c’è spazio anche per loro.

Assistenza sanitaria e tutela dei minori sono, al momento, le sue priorità. Infatti, dopo la vittoria, Sarah McBride ha ringraziato l’elettorato su Twitter conscia che in un periodo così difficile per l’America, martoriata dall’emergenza sanitaria del Covid19, ci sarà tanto lavoro da fare. Che sia questo il primo segno di miglioramento, soprattutto dopo una stagione difficile come quella che stiamo vivendo. Che il popolo americano stia finalmente superando quegli ideali bigotti che la politica di Trump spesso ostentava?

Maria Cristina Odierna

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *