Ventitré Maggio Novantadue: dove vanno, queste idee che camminano?

Oggi a Palermo moltissime persone hanno cercato di non dimenticare.

Corteo Commemorativo 23 maggio 2017, foto di Gea Di Bella
0

La Nave Della Legalità arriva presto, la mattina. Approda al Porto e i vari comitati e le scuole sono lì ad accogliere chi arriva.

C’è la bella atmosfera di chi attendeva questo viaggio, di chi sa cosa significhi e non vedeva l’ora di arrivare. C’è chi ha studiato e vivamente sente questa giornata.

C’è una Sicilia che accoglie e che condivide la commemorazione: vengono persone da tutte le parti del territorio siculo.

La stessa Sicilia che un po’ si confonde e si perde per strada: con gli ultimi casi di corruzione e favoreggiamento; oppure il giornalismo e l’antimafia che non è antimafia, ma solo un vaneggiare di parole.

La Sicilia a volte lascia le storie a metà; permette che vengano dimenticate, le lascia scorrere e sprofondare. Lascia che a ricandidarsi ci siano sempre elementi improponibili e, probabilmente, li vota.

Questa Sicilia sfaccettata e sempre malaticcia, oggi, ha ricevuto come ospiti moltissimi bambini che avevano quella combattività e attenzione degna dei più grandi eroi.

Chi non è sceso per manifestare e partecipare al corteo non si è fatto attendere, appendendo fuori i consueti lenzuoli bianchi, mantenendo la tradizione del Comitato Dei Lenzuoli che, con questi gesto simbolico e delicato, ha sempre pronunciato la sua posizione nei confronti della mafia: contro, ripetutamente.




I bambini, piccolissimi, da tutta Italia, erano lì perché qualcuno ce li ha portati; perché qualche insegnante che ancora sa lasciare il segno ha spiegato loro cos’è la mafia, chi furono Falcone e Borsellino, cosa accadde in questa città.

Ed erano partecipativi, oltre ogni immaginazione. I più piccoli, minuscoli giovani esseri umani che gridavano slogan che sentivano appena.

C’erano insegnanti che ballavano a ritmo delle canzoni che sono e saranno sempre gli stessi inni, almeno fino a quando qualcuno riuscirà a dire quelle cose con un ritmo diverso.

E c’era bel tempo, come poche volte è capitato in questi ultimi quattro anni, il ventitré di maggio.  Sembrava proprio estate, quando la Mafia uccide, piace dire ultimamente.

Quello che non si ha coraggio di dire è che la mafia sembrerebbe proprio non demordere; non sappiamo bene neanche come fare resistenza.

La memoria, sì, la memoria aiuta. Ma anche ricordare va insegnato; chi cresce senza che gli si insegni come ricordare, non sa farlo e continua a operare male.

La mafia, poi, è una mentalità, è stato detto tante volte. Ma forse quei bambini hanno la chiave per combattere.

Oggi c’è stata gente che ci credeva, in una Palermo che spesso ha una memoria selettiva. E tutti, fin dai più piccoli, si sono spintonati in un corteo che dalla strada presente, ha attraversato i cammini del passato che ci ha portato fin qui, facendoci diventare quello che siamo.

E sulle nostre gambe continuano a camminare le loro idee. Idee che non dobbiamo dimenticare, per non dimenticare, di seguito, chi le ha maturate e ha fatto per loro una lotta che è durata (e costata) una vita.

In Sicilia non è che non si dimentica.
E che non si ricorda.

È diverso, sapete? 

 

Gea Di Bella

 

Leave A Reply

Your email address will not be published.

Cliccando su Accetta, acconsenti all'utilizzo dei cookie e di eventuali dati sensibili da parte nostra; secondo le normative vigenti GDPR. More Info

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi