Vestiti che fanno male al fisico. I chiropratici avvertono

http://www.publicdomainpictures.net/view-image.php?image=129553&picture=&jazyk=IT
0

Vestiti da incubo per la salute

Vestiti che la moda impone da un po’ di tempo sono la causa di molti problemi fisici!
Ad un tiro di schioppo dalla sfilata di vestiti attillati, jeans seconda pelle (che già si portavano in inverno, ma che adesso con la nuova stagione sono più visibili) e scarpe altissime o bassissime, la preparazione femminile prevede: vari impacchi di fango avvolte nella pellicola come nemmeno una lonza può ritrovarsi; scrub frenetici fino a scartavetrare la pelle come fosse un vecchio mobile di legno; esercizio fisico fai da te in modi maldestri e alimentazione squilibrata a sedano e carote!

Regole fai da te? No, grazie!

Innanzitutto non si dovrebbero mai lasciare l’esercizio fisico, la buona alimentazione e la cura del corpo durante l’anno. Non va bene riprenderli due mesi prima perché non fanno miracoli in un anno, figuriamoci in due mesi!
Inoltre evitate di fare esercizi che non sapete fare e corse spasmodiche nemmeno foste Pietro Mennea perché poi vi attenderà l’ortopedico anziché la serata con gli amici avvolte nell’ultimo vestito a tubo.
Evitate anche di mangiare a modo vostro (non siete dei medici che hanno studiato per questo) o di bere dieci litri d’acqua al giorno (non si può bere troppa acqua)  perché rovinerete il vostro corpo dall’interno.
Evitate anche di seguire le mode che fanno male alla vostra salute.
Ebbene si avete capito bene, la moda da qualche anno, fa male alla salute!

La ricerca che mette in allerta

Non è solo una questione di alimentazione sbagliata, sport scorretto, ma anche di abbigliamento pericoloso.
Una ricerca condotta dalla British Chiropratic Association (e pubblicata dal quotidiano inglese The Indipendent) condotta su 2000 donne, ha stabilito che certi vestiti causerebbero mal di schiena attraverso una postura sbagliata, con tutte le conseguenze del caso.
I famosi jeans skinny (attillati fino all’alluce), le gonne attillate (che limitano i movimenti), i tacchi alti, le ballerine, gli stivali morbidi,le scarpe aperte, le borse grandi, i gioielli pesanti e anche i cappotti con cappucci ricoperti di pelo (capo d’abbigliamento autunno/inverno) comportano danni alla colonna vertebrale, con dolori lombari e sacrali, alla postura, al collo, alle ginocchia, alla circolazione sanguigna e linfatica con conseguenze pericolose per la salute.
Il brutto è che nessuna ha mai pensato alle conseguenze negative di certe mode!
Il chiropratico Rishi Loatey ha detto riguardo a certi vestiti : “Se son troppo stretti, non si riesce a camminare in modo normale. Quando si cammina il ginocchio, l’anca e il fondoschiena si muovono tutti insieme per minimizzare la pressione che arriva sulle articolazioni. Se una di queste parti non si muove come dovrebbe, si produce più pressione dappertutto”.

Tenere al proprio corpo anziché essere alla moda

Le scarpe allacciate sul davanti sono perfette perché tengono fermo il piede.
Si devono indossare capi d’abbigliamento comodi che non costringono il corpo a dei movimenti ridotti, si devono portare borse che non troppo pesanti (e comunque il peso dovrebbe, almeno, essere proporzionato e quindi spostare la borsa da una spalla all’altra) e tacchi alti o ballerine per poco tempo (quindi si dovrebbero portare scarpe comode, da ginnastica, sempre dietro).
Attenzione perché certi tipi di abbigliamento (vedi gli skinny o i tacchi alti) comportano anche la pelle a buccia d’arancia grazie alla cattiva circolazione linfatica.
Se non rispettate le buone regole del vivere sani senza seguire mode pericolose, dopo esser state dal nutrizionista per ripristinare l’equilibrio rotto nel vostro corpo, passerete dall’ortopedico per cercare di rimediare ai danni provocati alla colonna vertebrale oppure vi trasformerete nel gobbo di Notre-Dame!
Ricordate: è più importante la salute che l’apparire!

              Marianna Di Felice

Leave A Reply

Your email address will not be published.

Cliccando su Accetta, acconsenti all'utilizzo dei cookie e di eventuali dati sensibili da parte nostra; secondo le normative vigenti GDPR. More Info

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi