Per il Vesuvio fuoco e fiamme, ma dopo il caffè

"Libera dalle improvvise ceneri il tuo volto semidistrutto, o Partenope, e le tue chiome, sepolte sotto il monte scosso dall'aria che soffia al suo interno, poni sul tumulo e sulle reliquie del tuo grande figlio". Publio Papinio Stazio, Silvae

Andy Warhol, Vesuvius, 1985, Galleria di Capodimonte
0

Per il Vesuvio fuoco e fiamme, ma dopo il caffè

 

E’ uno stridere, sento sempre sfregare qualcosa. E’ l’attrito tra della retorica da pollaio e il catastrofismo omni-imminente ad appiccare l’incendio della mediocrità.

Gli incendi sul Vesuvio, ovviamente realizzatisi per autocombustione spontanea, o al massimo dovuti a un incidente nella base aliena sita nel cratere, sono emblematici. Quel signor vulcano– che ci ostiniamo a definire “nostro” quando siamo noi ad appartenergli – ne ha visto di fuoco, ne ha prodotte di colate laviche e ne ha sbuffate di nubi piroclastiche, ma dall’esterno raramente. Le uniche colate di cui è stato vittima sono quelle di cemento.

Dagli anni 60’ del secolo scorso uno strato ininterrotto di chilometri e chilometri di abusi edilizi indiscriminato e osceno, ha reso quella zona una delle più densamente – e barbaramente – abitate del Paese. Ora nel vederlo “spontaneamente” andare a fuoco tutti si armano di contrita e rabbiosa distanza telematica e recitano la parte di Mario Merola nel film cult “Lo Zappatore”.

Ma sì, in fondo nessuno punta il dito sulla camorra, si sa ma non ci sono le prove. Mica il vulcano si è ribellato nel non pagare il pizzo? Quindi meglio non azzardare ipotesi ad alta voce,  al massimo si bisbiglia. Vogliamo inguaiarci? Basti l’indignazione social per “affrancarsi” dallo scempio, così – pubblicamente – siamo a posto con la coscienza.

Signori c’è un profondo senso estetico in quel che accade … e nessuno ha la sensibilità di notarlo. Tutto il cemento, tutto il fuoco hanno un valore, oserei dire, “etico-estetico (pochi immaginano quanto vadano a braccetto). Lo scempio, al di là di ogni abusiva pretesa neofuturistica, è il risultato di una catarsi. Si copre e si brucia tutto per allontanare quel “Senso di Morte” che descrisse  Goethe nel vedere Napoli e il Vesuvio nel suo Viaggio in Italia. La vitalità della prima grande metropoli europea strideva con la minaccia del Vulcano; quest’ultima riempiva di quella originalissima linfa vitale la popolazione sempre minacciata dalla violenza della natura. Dunque qualcuno – al posto nostro – ha pensato bene di mettere sotto un tappeto fiamme e cemento armato la minaccia così ci teniamo solo l’originalissima vitalità.  Che bella pensata!, soprattutto efficace.

Da queste parti si vive di retaggi sia ben chiaro. Le tradizioni più che incarnate si sono solidificate sino a divenire ingombranti, così come la nostra stessa coscienza “pseudo-storica” è solo mal-proiettata verso il passato, quasi mai al presente, figuriamoci al futuro.  Le glorie passate sono più vanto di risulta che esempio, più eden perduto che fondamenta, più inutile e grottesco neo-borbonismo che senso di appartenenza.

Qui, carissimi signori, dall’ultimo dei disgraziati al primo dei primi cittadini, siamo tutti nobili decaduti: ci si arma di una stanca albagia e si chiacchiera animatamente davanti ai bar risolvendo puntualmente tutti i nostri problemi nel tempo di un caffè. Qui tutti abbiamo soluzioni, tutti sappiamo come agire, ma senza fare nomi si intende. Qui tutti siamo in potenza la soluzione ai nostri problemi, ma senza dar fastidio a chi comanda, il santo in paradiso dovesse poi non mettere la buona parola per il posto al figlio alle poste?

Così tutto tornerà come sempre …non è difficile da prevedere. Appena gli ultimi fumi si dissolveranno si dissolverà anche l’indignazione: un Vesuvio spennacchiato non farà più notizia; e presto – prestissimo credeteci – al posto del muro di fuoco subentrerà quello dell’indifferenza, la stessa indifferenza che ha da sempre permesso agli altri di occuparsi oscenamente del nostro presente, minando ancora di più il nostro futuro, mentre noi continueremo a risolvere tutti i problemi al bar durante il caffè.

fonte immagine: Andy Warhol Vesuvius, 1985, Galleria di Capodimonte Vesuviolive (ironia delle cose)

 

Leave A Reply

Your email address will not be published.

Cliccando su Accetta, acconsenti all'utilizzo dei cookie e di eventuali dati sensibili da parte nostra; secondo le normative vigenti GDPR. More Info

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi