Vietnam: crescita economica e città verdi

Il Vietnam vanta una delle economie in più rapida crescita del Sud-est asiatico e uno dei tassi di urbanizzazione più rapidi della regione. L'espansione vertiginosa delle città comporta una serie di sfide uniche, ma anche nuove interessanti opportunità per garantire una crescita inclusiva, sostenibile e, soprattutto, verde.

0

Nell’ultimo decennio, la mobilità intelligente è diventata un argomento cruciale in Vietnam. Hanoi e Ho Chi Minh City hanno aperto la strada a un modello di città verde. Soprattutto in termini di mobilità all’interno della città.

Una transizione verso un trasporto sostenibile è diventata un imperativo principalmente a causa dell’inquinamento atmosferico e della congestione. Oltre che per via dei costi di ingorgo (tra il 2 e il 5% della crescita del PIL nazionale ogni anno).

In sostanza, una città verde è una città che minimizza l’uso delle risorse e l’inquinamento. Utilizza le ultime tecnologie per cercare, costantemente, di essere il posto migliore in cui vivere. Sia per i cittadini che per l’ambiente.

Il governo vietnamita ha fatto delle città verdi e delle città intelligenti una priorità assoluta nei suoi piani di sviluppo. Ha lanciato il piano di sviluppo della crescita verde urbana, gli indicatori di crescita verde urbana (con il supporto di GGGI) e una strategia di città intelligente. Oltre 30 città hanno fatto passi per diventare città verdi.

Politiche orientate alla soluzione

Ci sono alcune aree chiave su cui il Vietnam dovrebbe concentrarsi per sviluppare le sue città verdi, tutte a portata di mano. Il primo è l’energia.

Le città verdi offrono soluzioni su come le città sono alimentate. Ad esempio, contatori e reti intelligenti consentono alle famiglie di monitorare il loro consumo di elettricità e garantire che gli elettrodomestici siano spenti quando non necessari, come spegnere il condizionatore d’aria di casa quando si esce di casa.

Inoltre, l’energia rinnovabile generata tramite pannelli solari sul tetto può essere venduta alla rete o assorbita per autoconsumo. Per colmare il divario finanziario per questo tipo di progetti, GGGI sta attualmente sviluppando un impianto di finanziamento solare che sarà lanciato entro la fine dell’anno per vedere un rapido aumento del tetto solare in tutto il Vietnam.

Ho Chi Minh City è una delle città principali del Vietnam in termini di sviluppo economico, ma anche in crescita verde. Alla fine del 2018, 906 famiglie, uffici e imprese avevano installato l’energia solare sul tetto. Aumentando la capacità totale installata di quasi 52 volte rispetto a cinque anni fa.

Sebbene nel complesso piccolo, questo è un grande passo nella giusta direzione. Poiché in Vietnam il tetto solare è ancora nelle primissime fasi di sviluppo. A causa della mancanza di politiche di supporto ma ha un enorme potenziale.




Le città vietnamite possono anche cercare sistemi intelligenti per l’illuminazione. Un esempio è l’illuminazione stradale a LED a efficienza energetica solare che regola il livello di illuminazione da remoto e notifica automaticamente le esigenze di manutenzione.

Il trasporto. 

I sistemi di trasporto intelligenti che gestiscono i flussi di traffico in base al volume e forniscono informazioni in tempo reale sui trasporti pubblici possono ridurre i tempi di viaggio,. Migliorando al contempo la sicurezza e incoraggiando un maggiore utilizzo del trasporto pubblico. Il tutto riducendo al contempo le emissioni nocive.

Ad esempio, Ho Chi Minh City ha istituito un sistema di trasporto rapido degli autobus , capace di trasportare  28.300 persone al giorno. Oltre che raccogliere dati di localizzazione per aiutare a gestire la congestione. Promossi come nuovo modello di sviluppo, città più piccole come Hôi An hanno recentemente inaugurato un sistema di bike sharing per favorire abitudini di trasporto non inquinanti.

Per rendere realtà le smart city verdi i partenariati pubblico-privato sono fondamentali . GGGI continuerà a lavorare con il governo vietnamita, da livello nazionale a livello cittadino, per creare un ambiente abilitante efficace attraverso politiche chiare. E, promuovendo partenariati con società tecnologiche e di infrastrutture verdi. In tal modo, vedremo le città del Vietnam al centro della costruzione dell’economia verde del Vietnam e del raggiungimento degli OSS e degli obiettivi dell’accordo di Parigi.

Gli investimenti nel settore della mobilità sono sufficienti per creare una città verde?

Una recente ricerca di Helga-Jane Scarwell e Divya Leducq ha definito il concetto di “città verde” come una “città che compie sforzi consapevoli per mitigare il loro impatto ambientale. Ridurre i loro rifiuti, promuovere il riciclaggio, ridurre le emissioni nocive. A aumentare la densità abitativa e ampliare gli spazi pubblici e favorire lo sviluppo di imprese locali sostenibili ” .

La ricerca di Scarwell e Leducq mette in discussione le politiche delle città verdi in Vietnam. Sebbene questo spostamento politico a favore dello sviluppo sostenibile possa essere percepito come un’evoluzione generale positiva. In termini di ambiente e qualità della vita degli abitanti locali. In primo luogo, i ricercatori sottolineano che i progetti di sviluppo verde del paese si concentrano principalmente sulle questioni relative ai trasporti pubblici all’interno delle città.

La mobilità non inquinante sembra essere l’attrazione principale del modello vietnamita di città verde. Altre questioni come l’energia rinnovabile o il riciclaggio dei rifiuti sono state sviluppate solo in misura limitata. Quando si tratta di progetti di pianificazione urbana verde più ampi come gli eco-distretti o gli eco-parchi, essi favoriscono piuttosto le minoranze privilegiate che possono permettersi alloggi innovativi.

Inoltre, i ricercatori hanno persino messo in discussione la gentilezza verde dei progetti di pianificazione urbana. Sostengono che piani di questo tipo riproducano semplicemente il modello urbanistico dominante.

In questo modello, i governi delle città sono supportati finanziariamente da organizzazioni internazionali come le Nazioni Unite o la Banca mondiale.  Di conseguenza conformano le loro politiche immobiliari agli standard internazionali per attrarre investimenti esteri diretti.

In effetti, questo tipo di modello di pianificazione urbana non cerca di promuovere lo sviluppo locale né di migliorare la qualità della vita degli abitanti, ma piuttosto di migliorare l’attrattiva internazionale e la competitività della città. Rispondere a una strategia di crescita globale che contraddice il principio di uno sviluppo verde, locale e sostenibile.

 

Felicia Bruscino
Photo by Georgios Domouchtsidis on Unsplash

Leave A Reply

Your email address will not be published.

Cliccando su Accetta, acconsenti all'utilizzo dei cookie e di eventuali dati sensibili da parte nostra; secondo le normative vigenti GDPR. More Info

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi