Il vino della Sicilia islamica conquistò il Mediterraneo

Dalla parte di chi lotta per essere riconosciuto, dell'essere umano e dei suoi diritti.
Contribuisci a preservare la libera informazione.

DONA

Lo studio sul vino della Sicilia islamica é stato pubblicato su Proceedings of the National Academy of Sciences.




Vino medievale

Il vino nella Sicilia islamica, a detta dei ricercatori dell’Università di York, era commerciato lontano da casa. La conferma viene dai residui chimici di uva trovati in alcuni contenitori medievali. Le anfore del 9-11 ° secolo ,tradizionalmente utilizzate per il trasporto del vino, sono state trovati perfino in Sardegna e a Pisa, suggerendo che il vino fosse esportato attraverso il Mediterraneo. Lavorando con i ricercatori dell’Università di Roma Tor Vergata, il team di ricerca della struttura BioArch ha analizzato il contenuto delle anfore identificando tracce chimiche intrappolate nel corpo del contenitore. Inoltre hanno trovato composti paragonabili a quelli presenti nei vasi di ceramica utilizzati da alcuni produttori ancora oggi per la maturazione del vino.

La prova dell’uva

Vino della Sicilia islamica:1
Vino della Sicilia islamica: Anfora del IX-XI secolo (credits: University of York)

L’impero islamico si espanse nelle regioni del Mediterraneo durante il VII-IX secolo d.C. in regioni del mondo che producevano e consumavano vino su larga scala. Martin Carver, del Dipartimento di Archeologia dell’Università di York, afferma che “L’alcol non ha – e non svolge ancora – un ruolo importante nella vita culturale della società islamica, quindi eravamo molto interessati alla questione di come questa comunità medievale avesse prosperato in una regione dominata dal vino. Non solo prosperarono, ma costruirono una solida base economica. Ciò diede loro un futuro molto promettente, con l’industria del vino quale uno degli elementi centrali del loro successo”. Il commercio del vino esisteva in Sicilia prima dell’occupazione islamica. Tuttavia, sembra che fosse principalmente vino importato. Un’enfasi sul consumo più che sulla produzione. Questa prova archeologica suggerisce che la comunità islamica avesse colto l’opportunità data dalla produzione e dall’esportazione.

Di commercio e di vizio

Non ci sono prove, tuttavia, che suggeriscano che i membri della comunità bevessero effettivamente il vino della Sicilia islamica.  La prova diretta del consumo di alcol è difficile da dimostrare nella documentazione archeologica. Non possiamo neanche affidarci alle fonti storiche della Sicilia del tempo, vaghe o assenti in merito. La dott.ssa Léa Drieu, co-autrice, racconta che “abbiamo dovuto sviluppare alcune nuove tecniche di analisi chimica per determinare che non fosse un altro tipo di frutta. Ma i residui organici rivelatori trovati nelle anfore a Palermo e altrove hanno mostrato che il contenuto era quasi certamente vino “. I commercianti di vino islamici sembrano aver dato al vino siciliano un nuovo “marchio” utilizzando un particolare tipo di anfore. Questo le rende tracciabili in tutto il paese e oltre per identificare le loro rotte commerciali.

Un medioevo rigoglioso

La ricerca del team in quest’area sottolinea una grande prosperità durante questo periodo. Non solo il commercio del vino, ma  nuove colture, lo scambio di pesce salato, formaggio, spezie e zucchero. Le rotte commerciali mostrano un aumento della produzione e dei legami commerciali tra il mondo cristiano e quello islamico. Questa nuova era di prosperità lavorava accanto delle “vecchie” industrie della Sicilia già presenti. Secondo il professor Oliver Craig “ora abbiamo un test rapido e affidabile per i prodotti a base di uva in contenitori di ceramica. Sarà interessante indagare la storia più profonda, e persino la preistoria, di produzione e commercio di vino nel Mediterraneo “.




Daniele Tolu

Stampa questo articolo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.