Violenta la figlia di 2 anni e vende il video sui siti stranieri: arrestato 46enne

L'uomo è stato individuato grazie ad una segnalazione della polizia australiana che, indagando sui siti pedopornografici nel dark web, ha rintracciato il filmato

0

Violenta la figlia di 2 anni e vende il video sui siti stranieri: arrestato un 46enne.

Avrebbe violentato per anni la figlia e poi avrebbe diffuso in Rete i video di quegli abusi. Vittima delle violenze una bimba di poco più di 2 anni. Le accuse per il padre della piccola, residente in provincia di Treviso, sono di violenza sessuale pluriaggravata e commercio di materiale pedopornografico.

Le indagini

Le indagini, coordinate dai pm Roberto Terzo e Giorgio Gava, hanno portato alla luce una storia inenarrabile di abusi e violenze perpetrati tra le mura domestiche. I controlli sono scattati grazie ad una segnalazione della polizia australiana che, indagando sui siti pedopornografici locali, ha trovato diversi indizi riconducibili al 46enne trevigiano. Oltre all’accento italiano, ad inchiodarlo sarebbe stato un frame del video in cui lo si intravedeva in viso ed un altro spezzone di video dove era visibile, parzialmente, una targa d’auto, riconducibile proprio alla vettura del 46enne. Le violenze sarebbero iniziate quando la bimba aveva solo 2 anni e sarebbero andate avanti per quasi 4 anni. La giovane vittima, che oggi ha 6 anni, viveva sola con il papà, che ne aveva ottenuto l’affidamento esclusivo. Persuaso di non essere scoperto, l’uomo avrebbe offerto i video delle violenze al mercato della rete pedopornografica australiana.




Related Posts

Il 46enne è ora accusato di violenza sessuale pluriaggravata dal fatto di essere stata commessa nei confronti della propria figlia, minore di dieci anni.

Arrestato un 40enne

Questa mattina è finito in manette anche un quarantenne di Pitigliano, comune nel Grossetano, titolare di una ditta individuale di termoidraulica. L’accusa è di detenzione e scambio di materiale pedopornografico. Nel pc dell’uomo sono state trovate, infatti, migliaia e migliaia d’immagini e video di bambini. Il quarantenne toscano aveva già un precedente analogo: nel 2008 era stato, infatti, beccato dagli agenti della postale e denunciato, sempre per il medesimo reato di detenzione di materiale pedornografico.

 

Mena Indaco

 

Leave A Reply

Your email address will not be published.

Cliccando su Accetta, acconsenti all'utilizzo dei cookie e di eventuali dati sensibili da parte nostra; secondo le normative vigenti GDPR. More Info

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi