Vittorio Feltri contro il “pedofilo” Maometto in difesa di Indro Montanelli

Effettivamente, nella collezione di idiozie scritte in questi giorni per difendere la memoria storica di Indro Montanelli, ancora mancava quella del suo allievo più vicino: Vittorio Feltri.

Il prode Vittorio Feltri ci ricorda che Maometto, un uomo nato nel 571 (non nel 1571, eh: proprio nel 571 dopo Cristo), prese in sposa Aisha, che secondo alcune fonti sarebbe stata una bambina (anche se diversi studiosi dell’Islam ne stimano l’età tra i 14 e i 24 anni) e si chiede perché oggi si condanni il comportamento di Montanelli ma non quello del profeta islamico.
E si tratta di una difesa d’ufficio talmente stupida da risultare a dir poco meravigliosa, perché mette in relazione i comportamenti di un uomo morto nel 2001 con quelli (ipotetici) di uno che morì nel 632, ovvero più di 450 anni prima dell’inizio delle crociate.
Già che c’era poteva prendersela con quel pedofilo di Socrate, in pratica.
Da Indro Montanelli, però, Feltri imparò moltissimo, su questo non c’è dubbio.
– Nel 1960, ad esempio, in un’intervista a Le Figaro, Montanelli dichiarò testualmente: “Ah! La Sicilia! Voi avete l’Algeria, noi abbiamo la Sicilia. Ma voi non siete obbligati a dire agli algerini che sono francesi. Noi, circostanza aggravante, siamo obbligati ad accordare ai siciliani la qualità di italiani”.
– Nel 1974, commentando sul suo “Controcorrente” un banchetto offerto dall’allora segretario dell’UNESCO, di nazionalità senegalese, scrisse che si domandava se gli europei partecipassero nel ruolo “di commensali o di commestibili”.
– Nel 1981, rispondendo alle femministe inglesi, che si battevano per far capire al mondo che lo stupro era la negazione del piacere, scrisse: “È vero, dura troppo poco”.
Sembra proprio roba scritta da Feltri, no?
Pattume razzista, misogino e xenofobo che non sfigurerebbe affatto ancora oggi su Libero.
Non c’è da stupirsi che il vecchio Vittorio Feltri gli fosse tanto affezionato.
Buttate giù quella statua, su.
1 Comment
  1. Stefano Cattaneo says

    Caro Emiliano: Riguardo all’età di Aisha, anziché gli innocenti lettori, riterrei sia necessario informarne gli imam che sull’esempio del profeta regolano a sei anni l’età minima del matrimonio e nove quella in cui possa essere consumato. Dovessero innalzarla a 21, e a 24 l’età in cui si possano avere rapporti, sarebbe una pietra miliare nella lotta alla pedofilia.
    Per quanto concerne la data di nascita, nel 571 erano trascorsi esattamente 540 anni dalla crocifissione di Gesù Cristo, che aveva detto che chi darà scandalo sessuale ai bambini, meglio avrebbe fatto se si fosse legato al collo una macina e si fosse gettato nell’abisso.
    Riguardo a Montanelli, al di la del grave errore giovanile e di alcune battute di spirito, si deve dire che non ha fondato nessuna religione.
    Per questo motivo, non ci sono “preti” che celebrano ogni anno tre milioni di matrimoni di bambine regolandosi sull’età della sposa africana di Montanelli.

Leave A Reply

Your email address will not be published.

Cliccando su Accetta, acconsenti all'utilizzo dei cookie e di eventuali dati sensibili da parte nostra; secondo le normative vigenti GDPR. More Info

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi