Vivere, morire ed essere degnamente sepolti in Italia

Immagine Copertina caffe.ch
0

 Il diritto spesso negato ai musulmani di essere degnamente sepolti secondo il proprio rituale: parta una svolta di pace e integrazione.


Anche se succede di pubblicare notizie positive per chi appartiene a culture diverse, come la possibilità di effettuare la circoncisione senza alcun rischio presso l’ospedale Maria Vittoria di Torino, per un migrante vivere, ma anche morire in Italia non è mai semplice. Ed in questi tempi in cui si soffia sul fuoco della xenofobia al motto “prima gli italiani”, si dimentica non solo che anche chi ha vissuto nel nostro Paese, lavorando al nostro fianco e contribuendo alla nostra economia, ma anche quanti italiani non sono cattolici, e pure quanti fra questi sono di fede musulmana, da morti, non hanno la possibilità, salvo in sparute realtà sul territorio nazionale, di essere sepolti secondo il rituale della propria fede.

Un problema, quello del diritto alla sepoltura per coloro che non appartengono al credo più diffuso in Italia, che si propone ogni giorno, quando i parenti o i conoscenti di decine di cittadini che non sono di fede cattolica, sono costretti a barcamenarsi nell’assurda burocrazia dei rimpatri delle salme per poter consentire un dignitoso rientro al “caro estinto” colpevole, nella morte, di non essere cristiano.

Ciò sol perché è pressoché impossibile garantirgli una sepoltura secondo i dettami coranici anche quando si vorrebbe poter onorare il defunto in un luogo vicino alla famiglia, quasi sempre stabilmente residente in Italia. Problemi che potrebbero, almeno in parte, risolversi destinando apposite aree dei cimiteri presenti nei nostri comuni ai defunti di fede musulmana.

Non va dimenticato, infatti, che in Italia risiedano non meno di circa 2.520.000 musulmani, pari al 4% di tutta la popolazione residente in Italia, di questi ben il 43% ha cittadinanza italiana, mentre il numero di cimiteri islamici, secondo l’UCOII (Unione Comunità Islamiche Italiane), sarebbero solo di una ventina su tutto il territorio nazionale.

Eppure il rispetto della tradizione coranica, non prevede grandi infrastrutture diverse da quelle dei nostri cimiteri o delle aree destinate ai fedeli di religione ebraica. Ma solo la concessione di aree nelle quali i defunti devono essere seppelliti sotto terra con la testa della salma rivolta verso la Mecca e quindi con le fosse per le bare orientate tutte nello stesso modo. Per questo e per avere uno spazio di preghiera che non sia una cappella cristiana, la soluzione più semplice è appunto quella di avere un’area dedicata all’interno di un cimitero.


Apple iPod touch 64GB, Grigio Siderale

Leave A Reply

Your email address will not be published.

Cliccando su Accetta, acconsenti all'utilizzo dei cookie e di eventuali dati sensibili da parte nostra; secondo le normative vigenti GDPR. More Info

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi