Volo pagato e 2000 sterline: i bonus UK per chi rientra nel proprio Paese

Dalla parte di chi lotta per essere riconosciuto, dell'essere umano e dei suoi diritti.
Contribuisci a preservare la libera informazione.

DONA

Il Regno Unito garantisce volo pagato e 2000 sterline.

La misura è rivolta a tutti coloro che si trovano in territorio britannico in determinate condizioni, e decidono volontariamente di tornare nel proprio Paese. Costoro potranno farlo quindi a delle condizioni agevolate, tra le quali, come dicevamo, usufruire del volo pagato.



Il supporto però non riguarda soltanto il rimpatrio.

A patto che si faccia domanda prima di lasciare il Regno Unito, infatti, il Governo della Regina promette anche di aiutare ad avviare un’attività e a cercare una sistemazione nel Paese d’origine.

Come dicevamo, però, è possibile approfittare del volo pagato e degli altri aiuti solo se ci si trova in determinate condizioni.

La domanda può essere inoltrata da chi: si trova illegalmente nel Regno Unito o si è fermato oltre il visto o il permesso di soggiorno; fa parte di un gruppo familiare con un figlio di età inferiore a 18 anni e si trovi illegalmente nel Regno Unito; ha ritirato, o desidera ritirare, la domanda di soggiorno nel Regno Unito; ha chiesto asilo nel Regno Unito ma ora vuole ritirare tale richiesta.

Al contrario, c’è chi invece è impossibilitato ad usufruire delle misure proposte.

La cosa riguarda chi è indagato o detenuto, chi è stato condannato per un reato di immigrazione e conseguentemente espulso e  chi ha già ricevuto protezione umanitaria o lo status di rifugiato nel Regno Unito. Costoro non potranno, quindi, essere sostenuti da Regno Unito nel rientro in Patria.

Tutte le istruzioni si trovano sul sito del Governo.

Online si trovano le modalità per poter inoltrare la domanda, le condizioni da rispettare per poterlo fare, e i passaggi successivi alla richiesta. Sullo stesso sito si trovano anche contatti per la richiesta di aiuto nel caso si avessero difficoltà ad inoltrare la domanda online.

Le condizioni poste in essere sembrano essere abbastanza vantaggiose. Restano però le motivazioni che hanno spinto le persone a rifugiarsi sull’isola di Elisabetta II, non sempre superabili con un aiuto economico.

Mariarosaria Clemente

Stampa questo articolo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.