Alle prime luci dell’alba

Dalla parte di chi lotta per essere riconosciuto, dell'essere umano e dei suoi diritti.
Contribuisci a preservare la libera informazione.

DONA

Alle prime luci dell’alba, scrissi questo pezzo nel lontano 2013, lo ripropongo come canto, come nenia dolente, su una conta di morti infinita.

Venerdì nel Canale di Sicilia altri morti

Noi che guardiamo
Venerdì 15 luglio nel canale di Sicilia

Arrivano così,vero?
16 maggio 2013

Alle prime luci dell’alba nella Locride altrettanto povera e disperata.
Povera di spirito e non preparata, una comunità di indigeni guarda con sospetto e sfiduciata questa gente, pulviscolo umano numeroso e bisognoso di tutto.
Le forze dell’ordine obbediscono agli ordini e con i pochi mezzi a disposizione impongono l’ordine e i primi soccorsi poi questo pulviscolo sarà distribuito in centri di accoglienza.
Sarà messo in quarantena, come facevano con noi italiani in America, probabilmente.

Io li incontro sulle strade che non portano mai a niente con in mano bottiglie e buste di plastica, li vedo camminare e camminare, a camminare sulla nostra statale 106 si arrischiano solo loro che non sanno di camminare sulla statale della morte.
Li incontro e ne sento una solitudine fraterna, una desolazione di sperdimento , un essersi perduti per sempre, noi insieme a loro, in un involucro insociale incredibilmente sempre più stretto malgrado la sua inconsistenza.

Alle prime luci dell’alba
Un film con David Carradine, un romanzo,
le prime luci dell’alba di un millennio medioevale oscuro e terribilmente cruento per molti per tanti
le prime luci dell’alba per pochi ricchi, molti ricchi sempre più egoisti, rinchiusi nei loro fortini, nelle loro dacie, nei loro privilegi

Le prime luci dell’alba di un agire medioevale sul medioevo futuro e tecnologico che sono i nostri giorni

Ci basterà una preghiera? Potremo noi arginare il mare se non siamo nemmeno uno scoglio?
E come possiamo, noi europei, italiani, calabresi, reggini, locresi, accogliere, aiutare e dare un’alba a chi sbarca sulle nostre coste?
Una volta all’arrivo dei saraceni scappavamo sulle montagne
Ora, anestetizzati da un falso benessere e da mezzi di persuasioni di massa, siamo certi che saremo in grado di assicurare a noi e a loro un nuovo giorno da vivere
Una fideistica speranza

Poesia di speranza
Sul mare che ci porterà lontano, molto lontano

Stampa questo articolo