Axl Rose se la prende con Google: il motivo? Le sue foto da grasso

wall.alphacoders.com
0
Axl Rose
wall.alphacoders.com

Sono lontani i tempi in cui il bel Axl Rose faceva strage di donne, incarnando perfettamente il prototipo della rock star, tutto sesso, droga e rock ‘n’ roll!

Il carismatico cantante dei Guns ‘N Roses, famoso per essere stato il fondatore di uno dei gruppi hard rock più famosi degli anni ’80, non le manda di certo a dire. il suo caratteraccio è noto da sempre negli ambienti della musica tanto da causargli diversi problemi, il più eclatante è sicuramente legato allo scioglimento della storica band dovuta a dissidi insanabili con l’altro illustre amico-nemico, il chitarrista Slash.

Per chi non li conoscesse, i Guns ‘N Roses si sono formati nel 1985 dall’unione di due band, gli L.A. Gun e gli Hollywood Rose, in quel di Los Angeles. La formazione storica comprendeva: Axl Rose, Slash, Duff McKagan, Izzy Stradlin e Steven Adler, sostituito poi da Matt Sorum, i quali salirono alla ribalta con il loro primo album Appetite For Destruction nel 1987, di cui celebri i singoli: Welcome to the Jungle, Sweet Child of Mine e (la mia preferita),  Paradise City. Ma, si sa la vita delle rock band non è mai tranquilla e quella dei Guns ‘N Roses non è da meno. La personalità forte di Axl s’impone, il successo, i soldi, le droghe fanno il resto. Axl rompe la formazione storica e trascina i suoi ex amici in tribunale, negando loro l’uso del nome della band e proseguendo dal 1996 in poi con una nuova formazione.

Axl Rose negli anni non ha mai smentito la sua condotta, pronto a saltare come dinamite ogniqualvolta qualcosa non gli andasse giù. Notizia recente riguarda la sua immagine. Pare infatti che questa volta a far arrabbiare il rancoroso Axl sia stato nientepopodimeno che il colosso americano dei motori di ricerca: Google. Il motivo? Delle foto che lo ritrarrebbero grasso. Le foto incriminate a quanto pare risalirebbero al 2010 durante un concerto dei Guns and Roses a Winnipeng, in cui il cantante rock non apparirebbe in una forma proprio perfetta. Il bel Axl ha sempre fatto un vanto del suo fisico e non gli si può dare torto, basti vederlo nelle sue storiche esibizioni sul palco negli anni ’80 in cui vantava un fisico asciutto, ma con l’avanzare degli anni, complice la vita di eccessi fatta in gioventù, il fisico del rocker che indossa i pantaloni attillati di pelle si è andato un po’ appesantendo.  La sua forma fisica è diventata così oggetto di scherno e di vere e proprie meme create in rete con i testi delle sue canzoni storpiate, come ad esempio: “oh,oh,oh…sweet pie of mine!” parafrasando la celebre canzone, o ancora “take me down to the bakery city where the pies have cream and the cakes are tasty”. La cosa ha fatto infuriare Axl che ha deciso di diffidare Google, intimandolo a togliere le foto che lo ritrarrebbero grasso. Il cantante si sarebbe rivolto alla Web Sheriff, società la quale si occupa della reputazione delle star sul web, che sottolinea che tutte le foto scattate agli spettacoli della band sarebbero proprietà di quest’ultima, e che tutti i fotografi accreditati durante gli spettacoli sono tenuti a firmare un contratto che attesti la proprietà intellettuale.  A quanto pare la richiesta di eliminazione della foto avanzata dalla Web Sheriff è stata accolta e non ci rimane che attendere il risultato.

Dal canto suo, Axl Rose non si smentisce mai, in un’epoca dove il rock purtroppo è tramontato, le vecchie glorie fanno di tutto per far parlare di sè, non sempre però il web risponde nella maniera sperata. Il web crea e distrugge e ancor più con il passato e le sue star che, nel caso di Axl Rose, non accettano che i tempi d’oro sono andati e che non ha senso oggi ripercorrerli, perché si rischierebbe di perderne l’autenticità a favore di una brutta copia. Non sarebbe meglio, caro Axl, che tu fossi ricordato per le tue canzoni e non per la tua voglia di apparire ciò che non sei più? Può darsi che forse il web, oggi, ti avrebbe risparmiato.

Leave A Reply

Your email address will not be published.

Cliccando su Accetta, acconsenti all'utilizzo dei cookie e di eventuali dati sensibili da parte nostra; secondo le normative vigenti GDPR. More Info

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi