Un bacio tra due donne alla metro B di Roma: inaugurato il murale realizzato per Gay Help Line

Dalla parte di chi lotta per essere riconosciuto, dell'essere umano e dei suoi diritti.
Contribuisci a preservare la libera informazione.

DONA

Un murale in pixel art che rappresenta un bacio tra due donne.

Il Municipio III di Roma Capitale ha voluto l’opera su un lato della Metro B al capolinea Jonio. Un bacio tra due donne corredato dal numero verde 800.713.713, contact center contro l’omotransfobia della Gay Help Line.



Questo numero riceve ogni anno circa 20000 contatti.

La Gay Help Line fornisce ogni giorno consulenze legali, mediche, psicologiche e di mediazione, oltre a gestire, insieme alla Croce Rossa Italiana, l’accoglienza di giovani vittime di violenza con la casa-famiglia Refuge Lgbt.

A presentare il murale in occasione dell’inaugurazione l’attore Pietro Turano, vicepresidente di Arcigay Roma. L’attore si è soffermato sulla natura dell’opera, realizzata, come anticipato, in pixel art.

Per comprendere appieno il significato e l’immagine nella sua interezza bisogna fare un passo indietro. Bisogna allontanarsi per cogliere tutto quello che è il messaggio rappresentato. Questo è un po’ quello che fanno gli operatori e le operatrici della linea quando rispondono al telefono: in quel momento devono fermarsi, ascoltare, fare un passo indietro e trovare la risposta migliore.

E proprio la pixel art è il tratto distintivo nonché punto di forza dello street artist Arcadio Pinto, in arte Krayon, autore dell’opera.

Nato a Melfi ma residente a Roma, Krayon è tutt’altro che un novellino. L’anno scorso l’artista ha realizzato una sua personale intitolata Less is more, al Contemporary Cluster di Roma. Per l’occasione sono state esposte ben cinquanta opere, che Krayon ha realizzato negli ultimi dieci anni.

Orgogliosa l’amministrazione che ha voluto il murale, soprattutto per aver realizzato, sul muro di un capolinea, quindi un posto di uscita ma soprattutto d’arrivo, un messaggio di accoglienza rivolto a tutti, senza discriminazioni.

Ed anche Pietro Turano ha sottolineato quanto la collocazione dell’opera sia significativa:

Si trova nel quartiere Tufello, a pochi passi dalla targa in memoria di Paolo Seganti (vittima il 10 luglio 2005 di un omicidio motivato dal suo orientamento sessuale) a cui la Gay Help Line è dedicata.

Mariarosaria Clemente

Stampa questo articolo