Batterie basate sul cemento: verso edifici che immagazzinano energia?

La notizia che arriva dalla Chalmers University of Technology  (Svezia) è di quelle che prefigurano un futuro che sembra uscire dritto dalle pagine di un romanzo di fantascienza.
Per  questo la ricerca a proposito di batterie basate sul cemento pubblicata  sulla rivista Buildings anche se si tratta “solo” di una prova di concetto, cioè qualcosa che è ancora molto lontano da qualsiasi applicazione pratica, per la quale ci sono problemi a iosa da superare, è di estremo interesse e a mio giudizio davvero affascinante.
Va  premesso che non è il primo studio ad investigare la possibilità di batterie basate sul cemento, ma gli studi precedenti avevano dato risultati davvero poco promettenti.
I ricercatori guidati dal dr. Emma Zhan sapevano dunque che dovevano trovare un approccio tecnologico nuovo rispetto ai fallimentari precedenti.
Quello con cui sono venuti fuori è una miscela di cemento in cui vengono inserite piccole quantità di brevi fibre di carbonio, allo scopo di aumentare la conducibilità elettrica e anche la resistenza flessionale. Poi nel composto viene inserita una maglia di carbonio rivestita di metallo (ferro per l’anodo e nickel per il catodo).



Dopo vari esperimenti questa è la configurazione più efficiente che hanno trovato. La novità rispetto ai tentativi precedenti sta proprio su come realizzare gli elettrodi, i ricercatori hanno capito che era quella la parte che dovevano immaginare pensando fuori dagli schemi in cui si erano mossi gli altri.  Prova di concetto è un’espressione abbastanza autoesplicante io credo ma per chi non lo sapesse significa la realizzazione di un progetto in forma abbozzata solo per provarne la fattibilità o che i principi teorici che stanno alla base funzionano. I ricercatori dell’università svedese hanno realizzato un modello a scala di laboratorio, non solo hanno dimostrato che il loro modello è più efficiente, ma cosa più importante è che sarebbe una batteria ricaricabile.
In effetti quando si pensa a batterie basate sul cemento il sogno che sembra uscito dritto dalla fantascienza a cui si aspira è un domani in cui interi edifici possano funzionare anche come immagazzinatori di energia.
I problemi tecnici da affrontare prima di arrivare lì però saranno molti, per dirne uno: dal momento che gli edifici hanno una vita piuttosto lunga (50 anni ma in alcuni casi fino a 100) perché quanto sopra abbia senso anche la durata della loro efficienza come batteria dovrebbe essere tale o in alternativa questa idea dovrebbe essere messa in pratica in modo che la batteria nel cemento possa essere facilmente sostituita.
Ma le applicazioni a cui pensano gli ingegneri sono enormi, sarebbe una tecnologia davvero amica dell’ambiente, le batterie basate sul cemento potrebbero essere accoppiate con la tecnologia dei pannelli solari. Un’altra applicazione a cui hanno pensato è: sensori che monitorano la salute di infrastrutture tipo ponti che ricevono l’energia per il proprio funzionamento dalla batteria inserita nella struttura stessa.

Roberto Todini 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *