Il Real conquista l’undicesima Champions League

Dalla parte di chi lotta per essere riconosciuto, dell'essere umano e dei suoi diritti.
Contribuisci a preservare la libera informazione.

DONA

Carrasco risponde a Sergio Ramos e la sfida si decide dal dischetto: Juanfran sbaglia e Ronaldo segna l’ultimo rigore. Il Real vince così l’undicesima Champions League

Per la seconda volta in tre anni la finale di Champions League si gioca tra le due principali squadre di Madrid, un derby che vale una stagione, una gara di portata storica.
A Milano si sfidano da una parte i campioni del Real Madrid, Cristiano Ronaldo su tutti, dall’altra i grintosi ragazzi del Cholo Simeone.

Due anni fa erano stati i blancos ad aggiudicarsi la coppa dalle grandi orecchie (la decima della loro storia) con Carlo Ancelotti in panchina. Quest’anno è un Real meno brillante, guidato a bordo campo da Zinedine Zidane e con un Ronaldo a mezzo servizio a causa di un recente infortunio.
Dal canto suo, l’Atletico Madrid non è certamente la formazione più forte del torneo, né la più ricca, ma è una squadra vera che ha saputo eliminare compagini ben più favorite per la vittoria finale come il Barcellona e il Bayern Monaco.

Champions
fonte: cactuscantina.com

La partita si sblocca al quindicesimo con il gol in fuorigioco di Sergio Ramos, già decisivo due anni fa con il gol del pareggio all’ultimo minuto. Successivamente il difensore spagnolo viene graziato per ben due volte: un fallo di mano da rigore non segnalato nel primo tempo e un intervento al limite del rosso nel recupero del secondo tempo.

Il Real si dimostra affaticato e poco brillante, tanto che Ronaldo gioca una delle peggiori partite della stagione. È da una palla persa proprio dal fuoriclasse portoghese che nasce l’azione in cui Pepe stende in aria di rigore Fernando Torres. L’arbitro fischia e sul dischetto di presenta Antoin Griezmann, uno dei migliori giocatori della stagione dell’Atletico con i suoi 32 gol stagionali. L’attaccante francese, però, spreca la sua grande occasione colpendo la traversa.

Ormai vicinissimi alla vittoria, anche i Blancos buttano via una grande occasione, con Ronaldo prima e con Bale poi. E, come sempre accade, gol sbagliato gol subito: il nuovo entrato Carrasco chiude una bellissima azione dell’Atletico, segnando il gol del pareggio.

I tempi regolamentari finiscono dunque 1-1 e le sue squadre si trascinano stancamente, tra crampi, falli e infortuni, per entrambi i tempi supplementari, ormai decise a giocarsi il tutto per tutto alla lotteria dei calcio di rigore.
L’unico a sbagliare è il terzino dell’Atletico Juanfran, mentre i blancos fanno cinque su cinque. Il rigore decisivo viene segnato da CR7 che riscatta la sua brutta partita e regala l’undicesima Champions League ai tifosi del Real.

La maledizione dell’Atletico Madrid continua, così, con la terza sconfitta in tre finali di Champions League, mentre il Real si dimostra la squadra più vincente d’Europa. Un Real capace di vincere il trofeo continentale più importante nonostante le tantissime difficoltà incontrate non solo questa sera ma durante tutto il corso della stagione.
Il match winner Ronaldo (16 gol in in questa Champions), inoltre, si candida alla vittoria del quarto pallone d’oro, in attesa dell’europeo di Francia, il prossimo attesissimo evento del calcio internazionale.

Stampa questo articolo