Congelatore “nuovo” con aggiunta di cadavere.

0

Può capitare a tutti di aver bisogno di un congelatore.

Può anche succedere che si decida di acquistarne uno di seconda mano, ma ancora in buone condizioni, per risparmiare.

Può anche capitare di aprire il suddetto congelatore e di trovarci dentro un cadavere…

congelatore

Ok, questo non dovrebbe capitare.

Questo episodio è successo ad un’anziana signora a Goldsboro, Carolina del Nord, Sud-est americano.

La signora aveva acquistato quel congelatore per soli 30 dollari, un vero affare.

Dopo tre settimane dall’acquisto dell’elettrodomestico, si era decisa ad installarlo.

Aprendo il coperchio del suo “nuovo” congelatore, quasi le prese un colpo. All’interno c’era un corpo.

Che macabra scoperta.

Pensando e sperando di avere avuto un abbaglio e che in realtà si trattasse di un frutto della sua immaginazione, la poverina, dopo aver chiuso di botto il coperchio, decise di riaprirlo per accertarsi di essersi sbagliata.

Purtroppo era tutto vero, aveva visto bene.

Insieme al congelatore, aveva acquistato anche un cadavere.

Allarmata, ha subito avvertito il 911, a cui ha spiegato l’accaduto, richiedendo che venisse mandato qualcuno ad accertarsi, nuovamente, che non stesse sognando.

Purtroppo, le sorprese per la signora non erano finite.

Al momento dell’identificazione, la polizia ha dichiarato che si trattava di Arma Ann Roush, 75 anni.

L’ex vicina della donna che ha fatto il ritrovamento da film noir.

Non risulta che la donna abbia subito alcuna violenza. Si suppone che sia morta per un ictus, ma le reali cause rimangono ancora sconosciute.

Perché la figlia cinquantaseienne non ne ha denunciato la scomparsa o la morte?

Inoltre, è stata proprio la figlia della donna morta nel congelatore a vendere l’elettrodomestico alla vicina di casa, prima di trasferirsi in un altro stato.

Come, diavolo, ci è finito il cadavere nel congelatore?

Sicuramente l’anziana donna non ci si è infilata da sola per paura che in fase di decomposizione gli odori potessero infastidire qualcuno.

Leave A Reply

Your email address will not be published.

Cliccando su Accetta, acconsenti all'utilizzo dei cookie e di eventuali dati sensibili da parte nostra; secondo le normative vigenti GDPR. More Info

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi