Embedded SIM – Segneranno la scomparsa delle sim tradizionali?

0

Attualmente esistono 4 formati diversi di SIM : sim, mini sim, micro sim e nano sim. Le aziende produttrici di smartphone sin dall’inizio hanno cercato di miniaturizzare sempre di più questi apparati cosi da liberare spazio utile.embedeed sim

Embedeed sim – Oggi però siamo giunti ad una svolta che segnerà il mondo della telefonia mobile, nascono le Embedded sim dette anche E-Sim. Queste innovative sim hanno una dimensione di 6×5 mm e la loro più grande particolarità è che saranno direttamente integrate al dispositivo e non più rimovibili. Questa nuova sim virtuale è stata presentata durante lo scorso GSMA il 18 Febbraio e sarà presto sul mercato.

Storico delle SIM fino ai giorni nostri :

Non tutti sapranno che l’acronimo SIM significa Subscriber Identify Module. Il primo formato a noi conosciuto con il nome di SIM è stato quella di 85,6×53,98 mm caduta ormai in disuso, intorno la seconda metà degli anni 90. Attualmente il formato successivo alla sim è quello più diffuso e utilizzato; definita infatti SIM standard la mini-sim di dimensioni 25×15 mm fa la sua comparsa intorno al ormai lontano 1999, predisposta per i telefoni GSM.

Apple però pochi anni dopo rivoluziona nuovamente questo mondo introducendo due nuovi formati in successione, la micro sim 15×12 mm e la nano sim 12,3×8,8 mm.

Qualsiasi formato sia la vostra sim all’interno di esse vi è un codice identificativo ICCD composto da 19 cifre e le prime 6 ne identificano il proprio gestore di appartenenza. Con questo processo di virtualizzazione della vostra sim rimarrà praticamente solo questo codice identificativo.

I Vantaggi delle  Embedeed SIM :

I vantaggi della nuova Embedded Sim saranno diversi :

In primis si svanirà il timore di perderla o smagnetizzarla poiché non esisterà più fisicamente ma sarà virtuale. L’attivazione dell’ E-Sim sarà remota, perciò non sarete più costretti a recarvi in un centro del vostro operatore per farla attivare, rendendo cosi anche più agevole e veloce l’eventuale cambio di operatore. Il vantaggio più grande sarà comunque quello di poter condividere un abbonamento dati su più dispositivi senza aver bisogno della funzione hotspot, che in alcuni operatori telefonici è a pagamento.

L’applicazione di questa nuova tecnologia di sim virtuale trova ampio spazio di discussione soprattutto per i più scettici che pensano subito alle possibili frodi informatiche con la virtualizzazione di questi apparati.

Eppure nonostante i numerosi dubbi sollevati questa nuova tecnologia è già stata sposata dai maggiori produttori di smartphone. Samsung intende utilizzarla sul suo nuovo modello di Smartwatch Gear S2 Neo, e le maggiori compagnie telefoniche come Tim e Vodafone hanno aderito al progetto durante il consorzio GSMA.

Voi Cosa ne pensate può portare grandi benefici o solo guai?

Leave A Reply

Your email address will not be published.

Cliccando su Accetta, acconsenti all'utilizzo dei cookie e di eventuali dati sensibili da parte nostra; secondo le normative vigenti GDPR. More Info

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi