Hanami, guardare il Giappone tingersi di rosa

Dalla parte di chi lotta per essere riconosciuto, dell'essere umano e dei suoi diritti.
Contribuisci a preservare la libera informazione.

DONA

Hanami, un’attività affascinante che ogni anno riunisce giapponesi e turisti nei parchi e in alcune località per ammirare i sakura, i ciliegi in fiore. La varietà più diffusa di questi ciliegi è un ibrido delle qualità Prunus speciosa e Prunus Subhirtella, utilizzata a scopo ornamentale.

hanami
flickr.com

La fioritura dei ciliegi ha sempre avuto una sfumatura romantica e i giapponesi hanno molto a cuore questo evento.

I fiori dei sakura sono fragili e hanno vita breve, circa una settimana, per questo simboleggiano fragilità e delicatezza, ma anche rinascita.

Tra la fine di marzo e la metà di maggio il Giappone, gradualmente, si tinge dei colori dei sakura in fiore. In occasione di questo evento naturale vengono organizzati veri e propri festeggiamenti e cerimonie, i matsuri e non è raro vedere persone ammirare i fiori di ciliegio con indosso i tradizionali kimono.

Qualcuno ne approfitta per organizzare pic-nic all’ombra di questi alberi.

Da lontano gli alberi di sakura in fiore possono sembrare delle nuvole dalle sfumature bianco – rosate, ma se ci si avvicina si può assaporare meglio la particolarità e bellezza dei fiori, prendendosi del tempo per osservare, senza fretta. Questo è hanami, letteralmente “vista dei fiori”.

Ogni anno viene stilato un calendario che informa sulle date della fioritura per ogni zona del Giappone, partendo dal Kyushu a sud, arrivando al Hokkaido a nord.

Il compito di stabilire la data esatta dell’inizio della fioritura spetta, niente poco di meno che, all’ispettore governativo dei ciliegi!

L’ispettore Yoshio Owaki, dell’Agenzia Meteorologica Giapponese, dopo un sopralluogo seguito dai media presso l’albero di ciliegio del santuario Yasukuni di Tokyo, utilizzato come “esemplare di riferimento”, ha decretato come data ufficiale di inizio fioritura per l’anno 2016 lo scorso lunedì 21 marzo.

Secondo la statistica, cinque giorni in anticipo rispetto alla media annuale e due giorni in anticipo rispetto allo scorso anno.

L’hanami non comprende solamente i festeggiamenti diurni, tra cibo e bevande, ma continua durante la notte, e cambia nome in Yozakura, in cui i sakura vengono illuminati regalando a chi assiste uno spettacolo meraviglioso.

La primavera è il periodo ideale per organizzare la propria vacanza in Giappone, in quanto il clima è molto simile a quello che troviamo in Italia. L’hanami attrae moltissimi turisti ogni anno.

I luoghi migliori dove godersi questo spettacolo a Tokyo sono il parco di Ueno, il Santuario Yasukuni, il parco Yoyogi vicino alla stazione di Harajuku.

Non riuscite ad andare in Giappone?

Niente paura perché anche la nostra cara Italia ha i suoi alberi in fiore.

A Roma, nel quartiere dell’EUR presso il Parco Lago dell’EUR, esiste una strada pedonale chiamata Passeggiata del Giappone. Nel 1959, in occasione dell’inaugurazione di questa strada, l’allora ministro Nobusuke Kishi, donò numerosi sakura da fiore.

Buona primavera a tutti!

Jessica Tomatis

 

Stampa questo articolo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.