La storia sociale e segreta del colore

Se vuoi capire la società, guarda come parla della tonalità. Quanto suggerisce il recente volume della storica dell'arte Alexandra Loske.

(Fonte immagine: Cinque cose belle)
0

Il modo in cui le persone percepiscono il colore è quasi sociale e dinamico quanto il linguaggio stesso. Come la storica e scrittrice Alexandra Loske mette nel suo nuovo libro, “L’ordine del colore, sia in termini concettuali che concettuali, è uno specchio del suo tempo e della persona che l’ha creato“.

All’ombra della seconda guerra mondiale, il capitalismo moderno cominciava a prendere forma. La produzione stava esplodendo e il consumismo era in aumento. Le idee moderne sulla produttività dei lavoratori iniziavano a prendere forma. Nel 1953, un designer britannico di nome Robert Francis Wilson pubblicò un libro che descriveva come il colore potesse rendere più felici il lavoro e gli operai.

Secondo Wilson: le aree di lavoro luminose e colorate rendono gli impiegati più sani. Gli uffici e le fabbriche desolate, grigie e disordinate “promuovono la sensazione di depressione“. Le sue idee sul colore e su come potrebbe trasformare il lavoro, sono state specchio delle idee emergenti sul lavoro e sul posto di lavoro.




In teoria, il colore è semplice: empirico come la matematica o la chimica. C’è solo tanta parte dello spettro visibile ai nostri occhi umani, come Newton realizzò 300 anni fa. Ma la semplicità inizia e finisce lì. In altre parole, il colore ha una storia sociale segreta che tende a passare inosservata.

La premessa di Loske si rifà a Colore: una cronologia visiva da Newton alle moderne guide di corrispondenza dei colori, il significativo volume che offre l’affascinante storia di come il colore è stato registrato, esplorato e compreso. Utilizzando una straordinaria collezione di materiale a colori originale che include grafici, ruote, tavolozze degli artisti e campioni, il libro presenta secoli di scoperte scientifiche significative e di esplorazione artistica.

Nel libro, Loske analizza dozzine di queste ruote, sistemi e guide cromatiche, a cominciare dal rivoluzionario Opticks del 1704 , che identificava i colori che gli occhi umani potevano vedere. Forse non sorprende che l’Illuminismo, un’epoca ossessionata dalla razionalità e dall’empirismo, fosse anche fissato sul colore.

Le conversazioni a colori

Come spiega l’autrice, scienziati, artisti, scrittori e naturalisti di ogni sorta hanno pubblicato i loro trattati sul colore, ispirati a Newton. Dando origine a quella che lei definisce “la rivoluzione dei colori del diciottesimo secolo“.

L’astronomo e cartografo Tobias Mayer ha inventato una torre tridimensionale di colori e luci che assomiglia a un primo selettore di colori Photoshop. Con un tocco neoclassico. Botanici e geologi hanno pubblicato i loro linguaggi di colore estremamente specifici nel tentativo di descrivere, con precisione, il mondo naturale.




Prendiamo gli scritti di Darwin a bordo del suo H.M.S. Beagle , dove descriveva di essere commosso dal colore dell’Oceano Indiano nel 1832: ” Ero stato colpito dal bellissimo colore del mare attraverso le fessure di un cappello di paglia “, scrisse. Secondo la nomenclatura di Werner  era ‘Indaco con un poco di azzurro‘ (e) il cielo in quel momento era ‘Berlino (blu)’ con un pizzico di Ultramarino.

Più tardi, la conversazione a colori si spostò verso la fiorente rivoluzione industriale, con scienziati che lavoravano sui problemi della produzione e dell’industria facendo scoperte inaspettate sul colore. Il chimico Michel Eugène Chevreul  ha pubblicato una guida rivoluzionaria su come gli umani percepiscono il colore. In base alle scoperte che ha fatto mentre tentava di rendere più brillanti le tinture degli arazzi nelle fabbriche di tessitura. Un altro chimico, William Perkin, scoprì il primo pigmento sintetico (viola) mentre ricercava gli usi per il catrame di carbone nel 1850.

Presto le guide colori diventarono prodotti di consumo. Come spiega Loske, tra la prima e la seconda guerra mondiale le guide all’uso del colore nella decorazione della casa erano molto popolari. Addirittura circolava un best-seller che insegnava alla gente come usare il colore in casa per influenzare psicologicamente chi viveva all’interno.




Loske evidenzia anche le donne che hanno modellato la teoria del colore, che sono state ampiamente trascurate dagli storici. C’era Mary Gartside, una ricercatrice del XIX secolo che traduceva trattati di colore medievali e rinascimentali, ha anche pubblicato le sue guide sull’uso del colore nell’arte e nell’architettura.  Emily Noyes Vanderpoel, una pittrice che lavora sull’armonia dei colori in libri come Color Problems  (1902), idee avanzate sul colore e l’astrazione nella pittura.

È probabile, scrive Loske, “che queste immagini abbiano avuto un’influenza sullo sviluppo dell’arte astratta e del design nel ventesimo secolo. L’autore non è molto ricercato e Color Problems è ora un libro estremamente raro.”  I contributi delle donne, nel campo, sono stati in gran parte trascurati, ma grazie a libri come: “Colori: una storia visiva”, di Alexandra Loske, le loro voci sono state riportate nella storia del design.

 

Felicia Bruscino

Leave A Reply

Your email address will not be published.

Cliccando su Accetta, acconsenti all'utilizzo dei cookie e di eventuali dati sensibili da parte nostra; secondo le normative vigenti GDPR. More Info

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi