L’arte rivoluzionaria nella mostra Pop América 1965-1975

Dalla parte di chi lotta per essere riconosciuto, dell'essere umano e dei suoi diritti.
Contribuisci a preservare la libera informazione.

DONA
Pop América 1965-1975. Per la prima volta, una mostra cerca di evidenziare il modo in cui artisti provenienti da tutto il continente americano sono alle prese con la “pop art”. Un termine che riflette sia il sostantivo “popolare” che il verbo “pop”.

Attualmente in esposizione al Duke’s Nasher Museum of Art, nella Carolina del Nord, Pop América, è stata realizzata con l’obiettivo di espandere il paradigma della Pop art. Ampiamente definito dall’ironico abbraccio di Andy Warhol dell’estetica luminosa e grafica della pubblicità della metà del XX secolo. Presenta una vasta gamma di opere, prodotte in tutta l’America Latina tra il 1965 e il 1975.

Curata da Esther Gabara – professoressa Duke University -, Pop América 1965-1975 offre una visione emisferica del Pop. Fornisce un contributo tempestivo e critico per una comprensione più completa di questo periodo artistico. Chiarisce i riferimenti transculturali dei mass media e genera una comprensione amplificata del pop onomatopeico.

Oltretutto è vincitrice del Premio Sotheby, creato per i curatori che esplorano temi trascurati in spettacoli di successo o sotto rappresentati nella storia dell’arte tradizionale.

L’esposizione suggerisce i diversi modi in cui gli artisti latino-americani hanno utilizzato il vocabolario visivo della pubblicità. Per criticare l’imposizione neo-coloniale della cultura. Oltre che dei valori del consumatore nordamericano nell’emisfero australe.




“I ritagli” più avvincenti di Pop América illustrano il ruolo vitale che le arti grafiche hanno avuto nella definizione dei movimenti antimperialisti dell’epoca. In particolare la stampa in risposta alla rivoluzione cubana del 1959 e al movimento studentesco messicano del 1968. Vi sono diversi manifesti e dipinti di Raúl Martinez. Artista cubano i cui ritratti colorati – delle icone politiche e cinematografiche del paese – hanno contribuito a forgiare l’identità estetica della rivoluzione.

La mostra evidenzia come la tradizionale stampa cubana abbia gettato le basi per alcune delle più iconiche immagini antimperialiste del periodo. Tra cui: la copertina della rivista OSPAAAL di Che Guevara di Elena Serrano e il poster di solidarietà del Vietnam di Frémez.

Pop América presenta quasi 100 opere di una rete di artisti latini e pop americani che collegano Argentina, Brasile, Cile, Colombia. Cuba, Messico, Perù, Porto Rico e Stati Uniti. Introducendo nuovi quadri storici che rimodelleranno i dibattiti su Pop’s neutralità politica, inclusione sociale e innovazioni estetiche negli Stati Uniti.

Un dialogo vitale attraversa i confini

Viviamo in un mondo in cui la pubblicità, i film d’arte, la televisione, derivano comunemente dall’esplosione della pop art negli anni ’60 e ’70. La maggior parte di essa proviene dagli Stati Uniti e dall’Inghilterra. E, in alcuni casi, dal Giappone.

Gli storici dell’arte negli Stati Uniti, danno credito soprattutto a personaggi come Gerald Murphy  e alla successiva esplosione della sua popolarità. Assieme a Jasper Jhons, James Rosenquist, Andy Warhol e altri. Così, allo stesso modo, i curatori museali sono stati ciechi. “lasciando inesplorata”  la presenza della Pop Art in America Latina.

Pop América accentua l’é ed essendo tale è destinata  a comunicare che l’America è anche latino americana. Questo è il tacito messaggio dell’esposizione, che presenta un concetto, sorprendente e brillante nella sua originalità. Tra cui eccezionali artisti pop latino-americani e latini.

La mostra descrive le relazioni tra specifici artisti e la loro partecipazione alla politica e alla cultura popolare e di massa. Come ad esempio in Messico nel 1968, anno spartiacque per quella nazione. Le opere sono state rilevate da varie collezioni private e musei. Negli Stati Uniti, in Brasile, in Messico, in Colombia, in Argentina e in Perù. Tra l’altro include opere che non sono mai state viste negli Stati Uniti, e questa è un’eccellente opportunità per vederle.

Perché 1965-1975?

Nel contesto della storia dell’arte, la curatrice indagando su questo decennio (1965-1975), sono emerse, nello stesso tempo, due cose: la pop art e l’arte concettuale. Solitamente concepite come due distinti movimenti, derivanti da differenti momenti storici.

La pop art è associata alla figura umana, all’immagine, ai media e al piacere visivo e sensuale, mentre il concettualismo è più associato a un’idea, alle parole e alla politica. Gli artisti pop inclusi nella mostra hanno sperimentato tutto – idee, concetti, parole, politica e immagini molto forti e potenti – e la storia dell’arte così alterata.

Gli artisti presenti nella mostra creano un dialogo vitale che attraversa i confini nazionali. Include, tra gli altri, Judy Baca, Luis Cruz Azaceta, Jorge de la Vega, Andy Warhol e Roy Lichtenstein. Uniti dall’uso comune delle ricche strategie visive del Pop. gli artisti hanno dato un contributo audace al concettualismo, alla performance e alla nuova arte mediatica. Così come alla protesta sociale, ai movimenti di giustizia e ai dibattiti sulla libertà.

Pop America è una produzione congiunta tra il Nasher e il McNay Art Museum , il museo di San Antonio in Texas, che ha contribuito con alcune opere. Tra questi c’è uno dei primi artefatti che si incontrano entrando nella galleria. Il poster dai colori vivaci di Robert Indiana per Hemisfair.

L’Esposizione Universale del 1968 a San Antonio fu un evento fondamentale nell’evoluzione della città. Crocevia dalla metropoli alla città. Altri lavori Pop América ​​promuovono le Olimpiadi del 1968 in Messico e la propaganda rivoluzionaria cubana.

La mostra sarà visibile al Nasher Museo fino al 21 luglio 2019, prima di recarsi al Block Museum della Northwestern University di Evanston, Illinois. Dal 21 settembre all’8 dicembre 2019.

 

Foto di David Bruyland da Pixabay 
Felicia Bruscino

 

 

Stampa questo articolo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.