Moda come cultura al museo. Alcune delle mostre del 2018

Dalla parte di chi lotta per essere riconosciuto, dell'essere umano e dei suoi diritti.
Contribuisci a preservare la libera informazione.

DONA
Moda: dalle passerelle ai musei. Il 2018 avrà un calendario fitto di appuntamenti irresistibili, sarà  un anno intenso con mostre e retrospettive dedicate all’universo moda e ai suoi protagonisti.

Si apre una nuova stagione espositiva,  e quest’anno saranno tantissime le mostre da non perdere, con un calendario ricco dei migliori percorsi della moda. Da Milano a New York dai vestiti inediti di Frida Kahlo, alla storia delle T-shirt fino alla la storia del colore – il rosa. E ancora  Azzedine Alaïa,  Peter Lindbergh, passando per Rick Owens, Martin Margiela.

Negli ultimi anni sono sempre più frequenti  eventi legati a mostre dedicati agli stilisti, e a tutto ciò che li circonda nel mondo della moda. Eventi che erompono dalle élite delle passerelle per entrare in quello dei musei e dell’arte contemporanea.




La moda si racconterà attraverso eventi che accondiscendono ad accogliere nel segno vari aspetti,  analizzando vite e lavori straordinari con materiale spesso esclusivo e mai visti prima. Inoltre alcuni di essi rappresenteranno una vera e propria riflessione sulla moda e le religioni.  Per tutti gli amanti eccone alcune in corso ma anche in programma per i prossimi mesi.

PETER LINDEBERGH / A DIFFERENT VISION FASHION PHOTOGRAPHY

L’opera di Peter Lindeberg  con i più influenti fotografi contemporanei di moda in esposizione a Torino, alla Reggia di Venaria. Realizzata da Kunsthal di Rotterdam a cura di Thierry-Maxime Loriot con l’ausilio dello stesso Peter Lindbergh che ha raccolto 220 immagini  iconiche elaborate durante i suoi quarant’anni di carriera. In esposizione fino al 4 febbraio 2018.

Peter-Lindbergh-mostre-moda-2018
A Different Vision of Fashion Photography: Peter Lindbergh – Kunsthal, Rotterdam (Fonte foto: Flush the Fashion)

Courtesy of Peter Lindbergh racchiude gli scatti, da lui stesso realizzati, delle modelle che hanno definito la moda sul finire ventesimo secolo. Che, oltretutto, hanno avviato l’era delle Top Model.

RICK OWENS / SUBHUMAN INHUMAN SUPERHUMAN

Rick Owens  in mostra alla Triennale di Milano autore  della sua stessa esposizione di moda con una scelta di abiti, accessori, lavori grafici da lui stesso selezionati, realizzati nell’arco della sua carriera. Una retrospettiva che percorre l’intero spazio della Triennale di Milano, il cui cardine è una scultura.

Un’imponente scultura composta da diversi materiali. Un percorso  coinvolgente attraverso due decadi di inesauribile creatività, che hanno trasformato l’intero spazio della Triennale. Inaugurata il 15 dicembre 2017 è aperta fino al 25 marzo 2018.

MARTIN MARGIELA / GALLIERA 1989-2009

La prima retrospettiva francese dello stilista e designer  belga Margiela, inaugurerà a Palais Galliera il 3 marzo 2018. La mostra rappresenta una lettura approfondita sulla storia di uno dei designer di moda contemporanei più autorevoli. Più di 100 gli abiti selezionati assieme a fotografie e installazioni speciali.

Tra gli stilisti che ha contribuito a dare una nuova espressione al concetto di abito. Margiela rappresenta l’essenza del brand, secondo cui vive nei dettagli, oltretutto ha saputo è riuscito rinnovare radicalmente la struttura della moda.

AZZEDINE ALAÏA / THE COUTURIER

Al Design Museum di Londra dal 10 maggio al 7 ottobre 2018 l’esposizione dello stilista tunisino. Una selezione di abiti scelti dallo stesso Azzedine Alaïa poco prima della sua morte avvenuta lo scorso novembre. Una mostra che consente di ripercorrere la storia di un vero couturier.




Inoltre le sue creazioni di moda, in un racconto inedito, sono accostate a desig archittetonici, appositamente creati per l’occasione.

FRIDA KAHLO / MAKING HER SELF UP

L’esposizione comprende un guardaroba inedito dell’artista Frida Kahlo, rinvenuto dopo cinquant’anni dalla sua morte. Per la prima volta, emergono oggetti, abiti, fotografie. Rinvenuti nel 2004 presso la sua abitazione: Casa Azul, oggi museo. In mostra dal 16 giugno al 4 novembre 2018 presso il Victoria and Albert Museum di Londra.

T-SHIRT: CULT / CULTURE – SUBVERSION

Uno dei capi più amati nella moda del XX secolo, passato da abbigliamento intimo maschile all’indubbio simbolo di ribellione rock: la T-Shirt.  Un capo più che versatile oggi raccontato in una mostra che ripercorre la sua storia. Analizzando dettagliatamente momenti, materiali e tecnologie utilizzate per le varie manifatturiere.

Inaugurerà il 6 maggio 2018 presso il Fashion and Textile Museum di Londra

PINK / A HISTORY OF PUNK, PRETTY, POWERFUL COLOR

Nonostante i vari progressi in ogni settore di vita il colore rosa oggi è ancora considerato simbolo per eccellenza femminile. A dispetto della sua ancora forte categorizzazione di genere il Fashion Institute of Technology di New York presenterà un itinerario fedelmente “dipinto” in tutte le tonalità di rosa.

Da Madame Pompadour che riuscì, nel XVIII, a tradurre il colore rosa un trend da seguire nella corte di Francia fino alla sottocultura Punk. La mostra narrerà il percorso evolutivo, simbolica e sociale, delle tonalità pastello più moltiplicate al mondo. Iaugurerà il 7 settembre 2018 aperta fino al 5 gennaio 2019.

 

Felicia Bruscino

Stampa questo articolo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *