Noemi Durini: l’ultimo saluto alla ragazza che credeva di essere amata

Oggi, 20 settembre, Specchia resta in silenzio e saluta per l’ultima volta Noemi Durini

Avrà sedici anni per sempre Noemi Durini, a causa di un amore malsano che l’ha uccisa per poi sbarazzarsi del corpo senza vita in una campagna





Noemi Durini è stata uccisa dal suo fidanzato di diciassette anni. L’iniziale speranza dei genitori che fosse scappata è stata spezzata dalla confessione dell’omicidio da parte del giovane. Proprio lui, conosciuto nei dintorni per la sua predisposizione alla violenza, ha condotto poi le forze dell’ordine sul luogo dove è stato ritrovato il corpo della giovane. Non è ancora chiaro come sia stata uccisa la povera ragazza, né è chiaro il movente dell’omicidio.



Uccisa da un amore violento

Noemi Durini avrà sedici anni per sempre. Avrà sedici anni senza più sorrisi, né pianti. Non ci saranno più baci fugaci o abbracci appassionati per lei. Nessuna serata trascorsa a guardare le gocce di pioggia che si rincorrono sul vetro, nessun film sotto le coperte. Avrebbe voluto continuare a studiare, oppure forse non vedeva l’ora di andare a lavorare per guadagnare quel po’ che basta per il viaggio che aveva sempre sognato.

I sogni. Chissà se sognava la piccola Noemi e, se sognava, cosa sognava. Non potrà più raccontarlo. Non potrà più raccontare di quella volta in cui ha riso così tanto da far piangere gli occhi. Per ridere adesso non c’è più tempo e non ce n’è più neanche per conoscere il vero amore, perché l’amore vero Noemi non l’aveva ancora conosciuto.




L’amore che fa battere il cuore e, no, non per la paura.

L’amore che sfiora e non tocca oppure quello che tocca ma non picchia.

L’amore che dona la vita, non uccide.

A sedici anni quante cose ci sarebbero da fare, dire, urlare, cantare. Adesso non resta che fare, dire, urlare, cantare in suo ricordo.

Maria Giovanna Campagna

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *