Notre Dame de Paris torna alla ribalta




Torna sulla scena dei maggiori teatri il musical-spettacolo Notre Dame de Paris, tratto dall’ omonimo romanzo di Victor Hugo. Prodotto in versione italiana da David Zard con i testi di Pasquale Panella, debutta a Roma nel 2002, messo in musica da Riccardo Cocciante.

Per l’occasione, nella capitale è stato costruito il Gran Teatro di Roma: non esisteva, infatti, un teatro così grande da poter ospitare un’opera musicale di tali proporzioni.

Il suo destino è chiaro fin dalla prima rappresentazione francese di Gilles Maheu del 1998: le Moire sembrano essergli favorevoli a tal punto da far breccia nel cuore di ogni spettatore.

Notre Dame de Paris È la storia di una Parigi devastata dall’ incursione di un gruppo di stranieri richiedenti asilo e dai luoghi comuni. È il racconto di un arcidiacono, Claude Frollo, che cova nel suo cuore odio profondo nei confronti degli zingari, ma che a sua volta si invaghisce di una delle forestiere, Esmeralda, a cui intona le parole: “È il demonio che si è incarnato in lei/per strapparmi gli occhi via da Dio, lei”. La bellissima donna incanta anche il giovane Febo, capitano delle guardie inviate da Frollo per scacciare gli invasori, e Quasimodo, il Gobbo di Notre Dame che suona le campane della cattedrale ogni giorno asservendo il suo padrone, Frollo.




Quasimodo è perdutamente innamorato della zingara e per questo la salva dalla prigionia dovuta alla falsa accusa di Frollo di aver ferito Febo con un pugnale, e la custodisce nella cattedrale. Il cuore della donna è riservato soltanto a Febo, destinato a Fiordaliso. La donna viene giustiziata con la duplice sentenza di aggressione e stregoneria mentre, dopo aver ucciso il suo padrone, Quasimodo prima di lasciarsi morire di fianco a lei canta: “Quando il tempo sarà passato/la terra scoprirà/i nostri due scheletri abbracciati/e il mondo lo saprà/che Quasimodo amò Esmeralda”.

Temi come l’amore per la vita e la giustizia, l’odio e il pregiudizio si mescolano armoniosamente rendendo il tutto magico e reale. Dopo alcuni anni di riposo, il cast originale tornerà sulle scene regalando emozioni. Nel cast d’eccezione, Giò Di Tonno vestirà i panni di Quasimodo, Lola Ponce quelli di Esmeralda, la voce di Vittorio Matteucci canterà per Frollo e quella di Graziano Galatone per Febo. A grande richiesta, alle date già stabilite si è aggiunta una nuova tappa: il musical di Notre Dame de Paris sarà a Reggio Calabria i prossimi 25 e 26 novembre. Lo spettacolo, diviso in due atti, ha già riscosso notevole successo. I botteghini sono presi d’assalto perché si pensa possa essere l’ultimo tour del cast storico per intero. Si prevede, dunque, il sold out per tutti i teatri.

Poco più di due ore all’insegna dell’arte e della cultura: allora, cosa aspettate?

Maria Giovanna Campagna

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *