Pepper, l’androide di cui non si può fare a meno

Dalla parte di chi lotta per essere riconosciuto, dell'essere umano e dei suoi diritti.
Contribuisci a preservare la libera informazione.

DONA

Pepper, un robot molto speciale.

Si tratta di una serie di robot androidi che legge riescono a leggere e interpretare le emozioni umane.

A chi non piacerebbe un accompagnatore, un aiutante che ci ricorda gli impegni, ci accompagna e ci aiuta a svolgere gli impegni quotidiani?

Una giovane giornalista web di Tokyo, Tomomi Ota, ha acquistato Pepper per provare l’esperienza.

Come sarà vivere con un androide?

Da quando Pepper è entrato nella sua vita, Tomomi non può più fare a meno del suo robot.

Pepper
dailydot.com

 

Pepper partecipa attivamente a gran parte della vita di questa ragazza giapponese.

La accompagna durante i suoi impegni quotidiani, diventandole quasi indispensabile.

Anche il padre di Tomomi è entusiasta della presenza del robot.

Ha, infatti, guadagnato un ottimo aiutante che, quando si trova in negozio, accoglie i clienti e fornisce loro tutte le informazioni del caso sugli articoli in vendita.

Insomma, un dipendente modello.

Un acquisto fatto per curiosità, diventato poi indispensabile.

Tomomi e la sua famiglia non sono gli unici ad avvalersi dell’aiuto di Pepper.

Altre persone hanno acquistato una delle versioni di prova di questo androide.

Addirittura, alcune grandi aziende in tutto il mondo hanno già impiegato alcuni prototipi di Pepper all’interno del proprio organico.

Le sorprese che riserva il robot sono molte, riesce anche ad imitare i movimenti delle persone e risponde agli stimoli.

Gli esemplari di Pepper attualmente in prova sono circa 200.

Sicuramente, è vero che ogni tanto, anzi, spesso, alcune persone sanno essere davvero eccentriche, ma il fatto che Tomomi porti con sé ovunque vada il suo robot non significa che si sia creata una “love story”.

Alcune testate online, e non hanno, infatti, definito la relazione tra la giovane proprietaria di Pepper e il suo robottino, sicuramente in modo ironico, una storia d’amore.

Come si fa a fare a meno di questo speciale robot che crea dipendenza?

Chissà se in futuro questi robottini entreranno a fare parte della vita di tante famiglie.

Stampa questo articolo