Viaggi interstellari, un sogno che diventa realtà?

fonte: hawking.org.uk
0
fonte: hawking.org.uk
fonte: hawking.org.uk

Andre a zonzo per lo spazio è il sogno di molti, scoprire i misteri, che esso racchiude è ciò che molti desiderano fare, ma fino a questo momento tali fantasie erano solo fantasie.

Poter esplorare altri sistemi solari oltre al nostro, però, è qualcosa che noi essere umani alla fine dobbiamo fare se se vogliamo prevalere come specie.

Come dichiara il Prof. Stephen Hawking

Dobbiamo andare nello spazio e occupare altri pianeti se vogliamo assicurare la sopravvivenza a lungo termine della razza umana. La Terra è un pianeta fragile che è vulnerabile alle esplosioni di supernova, impatti di asteroidi e altre catastrofi che ci potrebbero distruggere.

I viaggi interstellari forse non saranno più un sogno nel cassetto per l’umanità, infatti è stato proprio il teorico Hawking ad annunciare, giorno 12 Aprile, che sta sostenendo il progetto “Breakthrough Starshot”. Che consiste nel’ inviare nello spazio un veicolo molto piccolo chiamato “nanocrafts”, in un’altro sistema solare.

Il progetto vedrà la luce fra circa 25 anni, anno più anno meno.

La piccola astronave avrà di fatti le dimensioni di un piccolo chip e viaggerà per una distanza pari ad un trilione di miglia, una distanza più che notevole.

I veicoli spaziali finora esistenti non hanno mai raggiunto tali distanze.

Il programma di ricerca dal costo di $100 milioni è stato lanciato dal miliardario russo Yuri Milner, e supportato dal co-fondatore del più celebre social Mark Zuckerberg.

Gli scienziati e laici di tutto il mondo hanno a lungo sognato di viaggi interstellari, tuttavia, notevoli sfide restano, il principale dei quali sono le enormi distanze.

Con la nostra attuale tecnologia, purtroppo “obsoleta” non ci permette di raggiungere tali distanze, abbiamo di fronte a noi decine di migliaia di anni per lasciare il nostro sistema solare e raggiungerne un altro.

In un’intervista alla BBC News, proprio il Prof. Hawking dichiara che i viaggi interstellari posso avvenire prima di quanto le persone si rendano conto.

Per quanto riguarda la sopravvivenza a lungo termine degli esseri umani come specie,Hawking si esprime:

“Se vogliamo sopravvivere come specie, dobbiamo sparpagliarci fra le stelle. Gli astronomi credono che ci sia una forte possibilità dell’esistenza di un’altro pianeta simile alla Terra orbita, nel sistema stellare Alpha Centauri”

Alpha Centauri è il sistema stellare più vicino al nostro Sistema Solare a 4.37 anni luce. Si compone di tre stelle: la coppia di Alpha Centauri A e Alpha Centauri B e un piccolo e debole nana rossa, Alpha Centauri C, conosciuta anche come Proxima Centauri, che possono essere gravitazionalmente legati agli altri due. L’obiettivo sarebbe quello di inviare il NanoCraft in Alpha Centauri

sempre Hawking conclude dichiarando

“Ma ne sapremo di più nei prossimi due decenni, Gli sviluppi tecnologici degli ultimi due decenni e il futuro renderà possibile il viaggio interstellare nelle prossime generazioni.”

Prof. Hawking sostiene inoltre il progetto Breakthrough Initiative, parte della Fondazione Breakthrough, un’organizzazione privata, senza fini di lucro sostenuta sia da Milner che da Mark Zuckerberg, tra gli altri, che finanzia progetti di ricerca scientifica, che per i governi sembrano troppo ambizioso per eseguire.

Secondo Iniziative Breakthrough, la nuova navicella spaziale è composta principalmente da due parti fondamentali:

StarChip: che grazie legge di Moore ha permesso una drastica riduzione delle dimensioni dei componenti microelettronici. Ciò crea la possibilità di avere delle strumentazioni con una notevole riduzione di dimensioni, sia di telecamere, che dei propulsori, l’alimentazione, le apparecchiature di navigazione e comunicazione.
Lightsail: I progressi nella nanotecnologia stanno producendo metamateriali sempre più sottili e leggeri.

Ormai la scienza ha fatto dei passi da gigante, forse non è così lontano il giorno in cui potremo andare a fare un viaggio di vacanza in un’altro pianeta, invece che le solite, noiose mete terrestri.

Leave A Reply

Your email address will not be published.

Cliccando su Accetta, acconsenti all'utilizzo dei cookie e di eventuali dati sensibili da parte nostra; secondo le normative vigenti GDPR. More Info

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi