Coralli stressati dal calore: nuovo metodo di identificazione

Lo studio sui coralli stressati dal calore é stato pubblicato su Science Advances.




Coralli e metabolismo

Secondo uno studio condotto dalla Rutgers University, i ricercatori hanno trovato un nuovo modo per identificare i coralli stressati dal calore, che potrebbe aiutare gli scienziati a individuare le specie di corallo che necessitano di protezione dal riscaldamento delle acque oceaniche legate ai cambiamenti climatici. “La cosa è simile a un esame del sangue per valutare la salute umana”. Lo afferma l’autore principale Debashish Bhattacharya, professore illustre presso il Dipartimento di Biochimica e Microbiologia della School of Environmental and Biological Sciences della Rutgers University-New Brunswick. “Possiamo valutare la salute dei coralli misurando i metaboliti (sostanze chimiche create per il metabolismo) che producono. In definitiva, possiamo identificare i migliori metodi e interventi per garantire la salute della barriera corallina”.

Il pericolo del riscaldamento globale

Coralli stressati dal calore:1
Coralli stressati dal calore: Il corallo riso Montipora capitata nelle acque vicino all’Hawai’i Institute of Marine Biology su Moku o Lo’E nella baia di Kāne’ohe, Hawaii. (credit: D. Bhattacharya)

Lo sbiancamento dei coralli dalle acque calde è un disastro ecologico in corso in tutto il mondo. Pertanto, a detta di Bhattacharya dobbiamo sviluppare indicatori diagnostici sensibili utili a monitorare la salute della barriera corallina. Dovremmo farlo prima dell’inizio visibile dello sbiancamento per consentire il tempo per gli sforzi di conservazione preventiva. Le barriere coralline forniscono habitat, vivai e zone di riproduzione per i pesci, cibo per circa 500 milioni di persone. Inoltre si fanno mezzo di sussistenza e protezione delle coste da tempeste ed erosione. Ma il cambiamento climatico globale minaccia i coralli riscaldando le acque oceaniche, con conseguente sbiancamento e malattie dei coralli. Altre minacce ai coralli includono l’innalzamento del livello del mare, un oceano più acido, pesca insostenibile, danni da navi, specie invasive, detriti marini e cicloni tropicali, secondo la National Oceanic and Atmospheric Administration.

La temibile acqua calda

Lo studio ha esaminato come i coralli rocciosi hawaiani rispondono allo stress da calore, con l’obiettivo di identificare gli indicatori chimici (metaboliti) dello stress. Lo stress termico può portare alla perdita di alghe che vivono in simbiosi con i coralli. Ciò porta allo sbiancamento e, potenzialmente, la perdita delle barriere. Gli scienziati hanno sottoposto le specie coralline  Montipora capitata (resistenti al calore) e Pocillopora acuta (sensibili al calore) a diverse settimane di acqua di mare calda in vasche dell’Hawai’i Institute of Marine Biology. Successivamente hanno analizzato i metaboliti prodotti, confrontandoli con altri coralli non sottoposti a stress termico.

Questione di metaboliti

“Il nostro lavoro, per la prima volta, ha identificato una varietà di metaboliti nuovi e conosciuti che possono essere utilizzati come indicatori diagnostici per lo stress da calore nel corallo selvatico prima dello sbiancamento o nelle sue prime fasi “, ha detto Bhattacharya. Gli scienziati stanno convalidando i dati della loro diagnosi sui coralli in uno studio molto più ampio e i risultati sembrano promettenti. Stanno anche sviluppando un “ospedale dei coralli” con un nuovo dispositivo lab-on-a-chip, che potrebbe controllare la salute dei coralli sul campo tramite indicatori di metaboliti e proteine.




Daniele Tolu

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *