Dolci di Natale: la tradizione italiana famosa nel mondo

magazine.valtur.it
0

Il mese di dicembre si attende con ansia non solo per i regali, ma anche per i dolci di Natale

La tradizione italiana è ricca di storia culinaria che alle feste si rende molto presente

dolci di natale
magazine.valtur.it

L’Italia porta il prestigioso “peso” di essere il Paese dove il cibo fa da padrone. Questo accade tutti i giorni, tutto l’anno. Tuttavia, ci sono dei periodi in cui la tradizione si fa sentire di più: è il caso delle feste. Nel mese di dicembre, come non annoverare i dolci di Natale.

Oltre che per il torrone, l’Italia è famosa nel mondo per il Panettone milanese e il Pandoro di Verona. Delle rispettive città sono però da annoverare anche la Veneziana e il Nadalin, avo del Pandoro. Ferrara offre invece il Pampepato e Siena il Panforte.

L’Anello di Monaco, invece, è un dolce tipico di Mantova. I maestri pasticceri, data la notevole richiesta, hanno deciso di produrli tutto l’anno. La Bisciola è in Valtellina quello che a Milano è il Panettone, infatti, lo sostituisce durante le feste.

Da annoverare è anche il Certosino di Bologna, meglio conosciuto come Panspeziale, condito con mandorle, pinoli, cioccolato fondente e canditi. Prima di spostarsi a sud, restano da ricordare i Ricciarelli senesi, a base di mandorle, albume d’uovo e zucchero.

Scendendo verso sud, incontriamo i Mustacciuoli campani, i Raffiuoli napoletani e scendendo verso il salento il Pasticciotto leccese o brindisino e il Fruttone pugliese che, a differenza del primo, va servito freddo.

Sicilia e Calabria sono annoverate tra le maggiori produttrici di frutta candita.

Per quanto riguarda la Calabria, c’è davvero molto da dire per quanto riguarda i dolci di Natale.

La Calabria è famosa in tutto il mondo per la produzione di Susumelle, biscotti di pasta dolce e speziata ricoperti da grassa al cioccolato, Crustuli di pasta frolla e Turdiddri ricoperti di miele, presenti in diverse zone d’Italia con nomi diversi. Originaria delle province di Catanzaro, Cosenza e Crotone, è la Pitta ‘Nchiusa o Pitta ‘Npigliata da assaggiare almeno una volta nella vita.

Che sia un dolce, dolcissimo Natale per tutti!

Maria Giovanna Campagna

Leave A Reply

Your email address will not be published.

Cliccando su Accetta, acconsenti all'utilizzo dei cookie e di eventuali dati sensibili da parte nostra; secondo le normative vigenti GDPR. More Info

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi