I mondiali antirazzisti

Lo sport di squadra per dare uno schiaffo al razzismo. Un modo per educarci ed educare alla concezione di mondo antirazzista

Oggi è l’ultimo giorno di un evento appositamente creato per favorire la coesione sociale tra i popoli, giunti al ventesimo anniversario al parco di Boschi Albergati in provincia di Modena, si svolgono i mondiali antirazzisti; da mercoledì a oggi si sono uniti per lo sport la bellezza di 200 squadre e ben 300 volontari per una mole di persone che si avvicina alle 6000 unità.

I team iscritti arrivano da mezza Europa, rappresentative e squadre amatoriali si sfidano su 24 campi appositamente creati per le sfide di calcio, basket, pallavolo, rugby, tchoukball e lacrosse. La manifestazione organizzata dalla UISP, Unione Italiana Sport per Tutti, vuole dare attraverso lo sport un segnale forte di fraternità e coesione sociale, elementi che in gruppo sportivo sono fondamentali.

In questi 5 giorni più di 400 partite hanno fatto confrontare sportivamente e pacificamente colori di pelle diverse, lingue differenti e ideologie favorendo così la creazione di dibattiti utili per comprendere le difficoltà di alcuni popoli che sono stati costretti a migrare dal proprio territorio per non essere coinvolti in guerre, spesso con fondamenti religiosi.

Sono innumerevoli i volontari presenti all’evento antirazzista, è solo grazie loro che l’evento dura nel tempo, ragazzi da tutta Italia ma anche dall’estero, portano con se il loro bagaglio di esperienza formatosi con i valori dell’accoglienza e dell’altruismo senza nessuna forma di discriminazione.

www.barsport.net
www.barsport.net

Uno degli ospiti più importanti accolto dall’evento è  l’ex calciatore Damiano Tommasi, presidente dell’associazione Assocalciatori da sempre impegnato nelle questioni sociali riguardanti il calcio o comunque lo sport in generale.

L’obbiettivo della competizione porta con se un significato davvero importante, è un gesto importantissimo a favore della lotta al razzismo, non a caso dopo 20 anni la voglia di organizzare è sempre maggiore anche perché i numeri delle persone che affluiscono in queste giornate all’evento di anno in anno, vanno sempre in crescita a pari del numero di volontari e delle iscrizioni.

Uno degli scopi principe è insegnare i valori del rispetto che purtroppo in alcuni episodi nello sport professionistico vengono oscurati. Il professionista oltre che esserlo tecnicamente dovrebbe anche esserlo moralmente, per essere un esempio da seguire.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *