Raggi: a Roma rinominate strade intitolate ai protagonisti delle leggi razziali

Virginia Raggi, sindaca di Roma, offre "buon esempio" a tutte le città d'Italia

La Raggi decide di rinominare tutte le strade dedicate a personaggi-simbolo del Manifesto della Razza.
Durante l’intervista al regista di Quando scoprimmo di non essere più italiani, la Raggi svela il progetto che coinvolgerà l’intera Capitale.

2

La Raggi decide di rinominare tutte le strade dedicate a personaggi-simbolo del Manifesto della Razza

Durante l’intervista al regista di Quando scoprimmo di non essere più italiani, la Raggi svela il progetto che coinvolgerà l’intera Capitale

Nel lontano (ma neanche troppo) 1938, il Manifesto della razza inneggiava ai valori della purezza e della “pulizia”. Criteri alla base delle leggi razziali poi ripudiate al termine della guerra, resistono ancora oggi in molte se non tutte le città italiane attraverso i nomi dei protagonisti del Manifesto. La Raggi dice basta. A Roma, piazza pulita!

“Che Roma sia d’esempio!”





Una Roma che decide finalmente di sbarazzarsi di tutti quei nomi che hanno contribuito alla creazione del Manifesto, è una Capitale in via di rinnovamento.

Abbiamo già avviato le procedure e le verifiche per far sì di rinominare tutte quelle strade e piazze della Capitale che sono state intitolate a coloro che sottoscrissero il Manifesto della razza. Dobbiamo cancellare queste cicatrici indelebili che rappresentano una vergogna per il nostro Paese. Questo può essere anche un esempio per tanti altri comuni che, come Roma, si trovano ad avere strade intitolate e questi personaggi.





Con queste parole, riportate da La Stampa, la sindaca di Roma Virginia Raggi ha dichiarato di voler modificare la toponomastica della Capitale.




La Raggi ha dichiarato che la decisione è stata presa per rafforzare i valori dell’antifascismo. Ha dichiarato inoltre che violenza e discriminazione non verranno tollerate oltre.

Resta da capire se bastino le parole di una donna, sindaca ma pur sempre umana, a far sì che scompaia la violenza e il razzismo. Se ciò bastasse, occorrerebbe distribuire megafoni per le vie delle città.

Stop alla violenza“, “Stop alla discriminazione“, “Con chi è diverso, non contro“. Quante volte si sentono ogni giorno slogan del genere? Finora nessun cambiamento epocale si è verificato.

Si spera che questo cambiamento toponomastico possa essere gemito di un cambiamento decisamente più grande.

Maria Giovanna Campagna
2 Comments
  1. Saverio Gpallav says

    che questa si metta a rinominare le strade anzichè a pulirle è cosa davvero curiosa tanto più che autentici antifascisti doc non hanno sentito questa esigenza in ben altre epoche. Comunque se insiste ne vedremo delle belle dato che nessuna strada è intitolata a fascisti irriducubili. Restano solo quelli che nel 38 erano fascisti e razzisti e nel dopoguerra si sono rifatti una verginità antifascista. Trai firmatari di quel manifesto ci sono nomi oggi sorprendenti

  2. asc says

    è altrettanto curioso che questa si trascini 15’000’000’000,00 di euro di debiti creati da chi l’ha preceduta, guarda caso gli stessi che le stanno dando addosso (a destra ed a sinistra), come se i guai di roma fossero stati creati nell’ultimo anno e mezzo, ci vuole tanta faccia tosta (per non usare termini triviali). ritengo inoltre che sia indecente dedicare strade a coloro che hanno solo pensato alla classificazione delle razze ed è ancora peggio che nessuno, sinistra compresa, non abbia provveduto a suo tempo a questa scelta. brava raggi

Leave A Reply

Your email address will not be published.

Cliccando su Accetta, acconsenti all'utilizzo dei cookie e di eventuali dati sensibili da parte nostra; secondo le normative vigenti GDPR. More Info

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi