Stoccolma: bus senza conducente, la nuova frontiera del trasporto pubblico

Dopo l’avvento di Amazon Go ora anche i trasporti urbani diventano smart, arrivano i bus con il pilota automatico.

0

Sono  stati inaugurati appena qualche giorno fa i nuovi bus automatizzati e privi di conducente.

Un avvenimento  dal forte impatto storico che segna il passaggio ad un economia sempre più smart e autonoma. In una realtà sempre più  incentrata sull’impiego di mezzi tecnologici di ultima generazione, degni dei più grandi film di fantascienza.

Numerose le ricerche e le sperimentazioni operate nel corso degli anni, utili a sviluppare una gestione meccanica del traffico che fosse  più sostenibile ma soprattutto quanto più sicura possibile.

I nuovi bus

I bus, di soli dodici posti sono frutto della collaborazione di importanti nomi del panorama tecnico e tecnologico internazionale.  Tra queste: Nobina (Società di autobus svedese), Ericsson, SJ, KTH, Klovern, Urban ICT, Arena, Stockholm city e Vinnova (agenzia governativa) tramite Drive Sweden.

“Questa è una decisione storica che promuove lo sviluppo di nuove tecnologie innovative che sono importanti per il progresso della società.”

Jonas Bjelfvenstam, Direttore generale dell’Agenzia dei trasporti

I veicoli,  viaggeranno lungo la tratta che va dal Centro Commerciale Kista e la Victoria tower a nord di Stoccolma ad una velocità di 20 Km/h.

Sono dotati di Gps e sensori “Lidar” capaci di di individuare gli ostacoli posti lungo il percorso ma comprendono anche una serie di comandi manuali. Niente panico per l’autista che sarà comunque sempre a bordo qualora dovessero presentarsi delle situazioni di emergenza.

Un paese al passo con i tempi

La Svezia, è sicuramente un paese emblema d’avanguardia nell’impiego della smart Technology. Già sotto gli occhi dei riflettori quando, in collaborazione con Volvo, aveva cominciato ad acquisire i primi test per la raccolta automatizzata dei rifiuti è tutt’ora parte di un piano di creazione di auto guida e app.

Che sia l’avvento di una nuova era improntata sull’impersonalità dei servizi o meno, resta la grande nota di merito ai passi da gigante che si stanno facendo in questo campo e a quanto questa ondata innovativa stia correndo velocemente influenzando abitudini e consuetudini di una spesso monotona quotidianità urbanistica.

Monica Bertoldo

Leave A Reply

Your email address will not be published.

Cliccando su Accetta, acconsenti all'utilizzo dei cookie e di eventuali dati sensibili da parte nostra; secondo le normative vigenti GDPR. More Info

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi