L’Urlo di Munch: un team italiano scopre come salvare la celebre opera

L’Urlo è probabilmente l’opera più conosciuta del pittore norvegese Edvard Munch. La serie di tre quadri dipinti tra il 1893 e il 1910 è riconosciuto universalmente come simbolo del dramma collettivo della sofferenza, del tormento e della paura. La gestazione dell’opera fa lunga e tortuosa, come lo stato d’animo che portò il pittore a ritrarre quel momento di vita angosciante.

L’autore stessa scriverà a proposito dell’opera:

Camminavo lungo la strada con due amici quando il sole tramontò, il cielo si tinse all’improvviso di rosso sangue. Mi fermai, mi appoggiai stanco morto a una palizzata. Sul fiordo nero-azzurro e sulla città c’erano sangue e lingue di fuoco. I miei amici continuavano a camminare e io tremavo ancora di paura… E sentivo che un grande urlo infinito pervadeva la natura.

Le analisi condotte su L’urlo di Munch

La tecnica utilizzata per la versione definitiva de L’Urlo comprende pitture a olio a base di solfuro di cadmio. Queste tinte sono soggette a un graduale deterioramento e un team del Consiglio di ricerca di Perugia, guidato dalla chimica Letizia Monico, ha svolto delle analisi per comprendere al meglio come salvare la brillantezza dell’opera. I risultati sono stati pubblicati su Science Advances.

Le analisi condotte sul quadro e sulle pitture utilizzate comprendevano la spettroscopia non invasiva in combinazione con microspettroscopia a raggi X. Invecchiando artificialmente alcuni modelli campione è stato possibile confermare i dati emersi con le indagini precedenti. È emerso, infatti, che sarebbe l’umidità a trasformare il brillante giallo cadmio in un bianco avorio. Questo problema, oltre che ne L’Urlo di Munch, era già stato riscontrato in opere di Van Gogh e Matisse. La vernice composta da solfuro di cadmio se esposta a una percentuale di umidità superiore al 45% si ossida e si formerà un altro composto, il solfato di cadmio. Non è quindi la luce a svolgere un ruolo chiave nella degradazione del dipinto. Tenendolo in teche ad umidità controllata sarà possibile tornare ad esporre il celebre quadro molto più spesso.

Giulia Fasano

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *