Detrazioni nel 730: le spese per la casa da poter dedurre

Dichiarazione precompilata da metà aprile

0

Detrazioni nel 730: sono queste che possono permetterci di abbassare le tasse. Ma quali sono le spese sulla casa che si possono dedurre?

Detrazioni nel 730 su mutui e affitti prima casa

Per quello che riguarda il mutuo è possibile ottenere una detrazione nel 730 del 19% sugli interessi pagati per un massimo di 4.000 euro all’anno. Sono deducibili anche gli oneri notarili pagati per la stipula del contratto e l’ipoteca oltre che l’imposta sostitutiva. Questa agevolazione spetta al soggetto titolare del contratto. Oltre a questo anche al coniuge per la parte a lui spettante.

Se l’acquisto della prima casa è stato fatto mediante agenzia è possibile godere di un’ulteriore detrazione del 19%.

Per godere invece di una detrazione sull’affitto della prima casa vigono delle regole precise. Per prima cosa il reddito del titolare che non deve superare i 31.000 euro all’anno. Inoltre, per godere dell’agevolazione, che può essere di minimo 150 euro fino a un massimo di 991 euro, occorre possedere un contratto registrato.

Detrazioni nel 730 sulle ristrutturazioni e bonus




Per quello che riguarda le ristrutturazioni è possibile detrarre le spese sui lavori eseguiti negli immobili. Per godere dell’agevolazione in questione è necessario che l’unità sia a uso abitativo.

Tra le ristrutturazioni sono anche compresi eventuali acquisti e fabbricazioni di box auto nonché garage.

Per ottenere l’ecobonus sulle ristrutturazioni è necessario inviare documentazione sui lavori all’Enea entro 90 giorni dal termine degli stessi. In sede di dichiarazione dei redditi, infatti, deve essere consegnata la ricevuta Enea insieme alle fatture e bonifici. Coloro che non hanno inviato la documentazione all’Enea è possibile sanare il fatto versando una sanzione di 250 euro. Questo però prima di presentare il modello 730.

Il bonus verde ottenuto per la creazione di aree verdi o ristrutturazioni di esse, comporta una detrazione nel 730 pari al 36%. Questa agevolazione non tiene comunque conto dell’acquisto di piante e fiori.

Sono inoltre deducibile diverse spese sostenute per lavori di risparmio energetico.

 

Elena Carletti

Leave A Reply

Your email address will not be published.

Cliccando su Accetta, acconsenti all'utilizzo dei cookie e di eventuali dati sensibili da parte nostra; secondo le normative vigenti GDPR. More Info

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi