Due fanatici alla guida di IRAN e USA. Il mondo trema dopo l’omicidio di Soleimani

Andrea Umbrello
2

Gli USA hanno ucciso nella notte, con un lancio di missili sul convoglio di auto su cui viaggiava, il generale iraniano Qassem Soleimani: tra gli uomini più importanti della Repubblica Islamica dell’Iran, capo delle milizie dei Guardiani della Rivoluzione, molto legato agli ayatollah e dal suo popolo ritenuto una leggenda.


L’omicidio non è avvenuto in Iran, ma in Iraq, a Bagdad. E a dare l’ordin

e di aprire il fuoco è stato lo stesso presidente americano Donald Trump.

Che se ne è poi vantato sui social.

Mentre il Leader Supremo, l’ayatollah Alì Khamenei, ha già annunciato vendetta: “Prometto una dura rappresaglia contro gli USA”.

 

Il presidente iraniano Hassan Rouhani ha detto che: “L’Iran e le altre nazioni libere del mondo si vendicheranno contro gli USA criminali”.

 

E il vicecapo delle Guardie della Rivoluzione Mohammad Reza Naghdi ha avvertito gli USA: “Cominciate a comprare le bare per i vostri soldati”.

Perché questo attacco?
Perché si tratta di un omicidio eccellente?
E perché dovrebbe preoccuparci?

Tra gli USA e la Repubblica Islamica dell’IRAN è in corso da sempre (da oltre 40 anni) una guerra incessante, a bassa intensità sul piano militare, ad alta intensità su quello diplomatico, che però non è mai fortunatamente degenerata in guerra aperta vera e propria.

Il rischio è che simili azioni possano condurre i due paesi verso un conflitto definitivo che possa rimettere a ferro e fuoco l’intero (e a noi vicino) Medio Oriente, con conseguenze imprevedibili per tutti.

Alla base dell’omicidio ordinato da Trump del generale Soleimani potrebbero esserci tutta quella serie di attacchi e provocazioni contro gli USA in Iraq, ma non solo, dietro i quali secondo gli americani c’è sempre stato Soleimani.

Il più eclatante di tutti: l’assalto all’ambasciata USA di 5 giorni fa, guidato da un’altra vittima del raid di questa notte (che viaggiava con Soleimani): Abu Mahdi Al-Muhandis.

L’omicidio è quindi una reazione diretta a quell’assalto all’ambasciata USA.
Una sorta di vendetta, ma anche una scusa per togliere di mezzo un avversario parecchio scomodo.

Il punto è che il generale Soleimani non era solo un avversario scomodo per gli USA: ma una delle figure più importanti in IRAN, un mito, una leggenda, uno che ha sempre condotto in prima linea ogni guerra in Medio Oriente contro i nemici occidentali: USA e Israele in primis. Salvo collaborare contro l’ISIS.

Il problema è che alla guida dell’IRAN e degli USA ci sono dei fanatici dalle scarse capacità diplomatiche. E quando questo accade, per il mondo, non è mai una bella notizia. E le escalation sono sempre dietro l’angolo.

 

Emilio Mola

2 Comments
  1. Francesca says

    Articolo vergognoso fin dal titolo!

    Mettere sullo stesso piano Trump e Soleimani è vergognoso!

    Perché non è stato scrtitto quello che Soleimani aveva fatto?

    Ripeto: articolo vergognoso!

    1. Ultima Voce says

      In realtà si mette (per quanto possibile, a causa di storie e culture diverse) sullo stesso piano Trump e Khamenei!E non accettiamo risposte come “è uguale!”, perché significherebbe che 1 vale 1…. e chi è che ha detto una cosa simile abbastanza recentemente…?

Leave A Reply

Your email address will not be published.

Cliccando su Accetta, acconsenti all'utilizzo dei cookie e di eventuali dati sensibili da parte nostra; secondo le normative vigenti GDPR. More Info

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi