Lista rossa: dai lemuri elle balene l’estinzione è a un passo

Dai lemuri del Madagascar alle balene del Nord Atlantico gli esperti pubblicano la ‘lista rossa’ e avvertono: “sono a un passo dall’estinzione”. 

Secondo l’ultimo aggiornamento della lista rossa circa un terzo delle specie dei lemuri del Madagascar e delle balene del Nord Atlantico sono a un passo dall’estinzione.

Le minacce alla flora e alla fauna selvatiche sono ora più gravi che mai. Molte specie animali e vegetali stanno diminuendo in modo preoccupante e rischiano di aggiungersi rapidamente alla triste lista di quelle che l’uomo ha sterminato in passato. Senza dimenticare “l’umile e l’ordinario” del mondo animale e vegetale che soffrì in proporzioni comparabili. Alcuni dei quali indubbiamente scomparvero prima ancora di essere conosciuti dagli scienziati.

Gli esperti stimano che entro il 2100 rischiamo di perdere la metà della popolazione animale nel mondo. L’allarme arriva dall’ International Union for Conservation of Nature (IUCN), che punta il dito contro le attività umane come co-responsabili della diminuzione della biodiversità.

Stando all’ultima  analisi, condotta da scienziati della IUCN, è sempre maggiore il numero delle specie minacciate. Più di una su quattro, tra quelle valutate, rischia l’estinzione. Dallo sfruttamento alla deforestazione. Dal bracconaggio alla caccia di frodo. Dall’inquinamento ai cambiamenti climatici fauna e flora sono sempre più in pericolo.

Migliaia di animali rischiano seriamente l’estinzione: è la costante denuncia dell’IUCN, che ogni anno diffonde la lista rossa delle specie a rischio estinzione. Nell’annuale aggiornamento della sua “lista rossa”, l’IUCN  evidenzia la difficile situazione di circa 6.000 varietà che sono maggiormente a rischio. Ma rileva anche che delle 120.000 specie di piante, animali e funghi valutate, oltre un quarto è minacciato di estinzione.




Delle 120.372 specie in esame (su una stima di 8 milioni sul pianeta) 32.441 sono a un passo dall’estinzione. (13.898 vulnerabili, 11.732 in via di estinzione e 6.811 in pericolo di estinzione). Senza significativi sforzi umani e finanziari volti alla conservazione, molte delle specie a rischio non avranno scampo.

Specie a rischio estinzione

Data la trasformazione del loro habitat, oggi molti animali possono essere considerati “i fossili di domani“. Le loro popolazioni sono al di sotto di una soglia critica e le loro possibilità di sopravvivenza sono minime.  Con poche eccezioni, queste estinzioni sono prodotte dall’uomo. Ciò non toglie che durante l’evoluzione molti siano scomparsi per motivi naturali. Le specie invecchiano come gli individui e si estinguono durante la successione faunistica.

La lista rossa IUCN viene periodicamente aggiornata con la valutazione di nuove categorie di animali o piante. L’ultima completa la valutazione dei primati africani – ben 54 su 103 sono minacciati.   L’attenzione è puntata soprattutto sui lemuri, primati endemici del Madagascar, appartenenti a diverse famiglie.

Tra le specie a un passo dall’estinzione, nella lista rossa, vi è anche  la balena franca nordatlantica (Eubalaena glacialis). Alla fine del 2018 se ne contavano meno di 250 esemplari adulti. I cetacei sono spesso vittima delle collisioni con navi e delle reti da pesca, oltre che del riscaldamento degli oceani. Ad aggiungersi alla lista rossa, a rischio scomparsa, c’è il criceto comune europeo (Cricetus cricetus) e il fungo bruco (Ophiocordyceps sinensis).

Mentre molti scienziati sostengono che la sesta estinzione di massa sia iniziata, “la lista rossa è un barometro della vita sulla Terra“. L’organizzazione riconosce che una misura chiave per impedire ciò è la creazione di aree protette. Dove l’attività umana sia limitata in modo da conservare ecosistemi e biodiversità.

Quasi un terzo delle specie di lemure sull’orlo dell’estinzione

Adagiato al largo della costa orientale dell’Africa, il Madagascar vanta una diversità biologica senza pari, con l’80/90% tra piante ed animali che non si trova in nessun’altra parte del pianeta. Secondo l’ultimo aggiornamento della lista rossa, quasi un terzo (31%) di tutte le specie di lemure in Madagascar sono in pericolo di estinzione. Mentre il 98% è minacciato o peggio.

Pertanto, 103 delle 107 specie di lemure sono minacciate, 33 di esse sono in pericolo di estinzione, l’ultima categoria prima dell’estinzione. Tredici della specie sono state spinte verso la categorie di minaccia più elevata.

La loro scomparsa è in gran parte attribuita alla deforestazione e alla caccia sull’isola gigante al largo dell’Africa orientale. Tra le specie in pericolo critico vi sono  la Sifaka di Verreaux (Propithecus verreauxi) e il microcebo di Madame Berthe (Microcebus berthae).

La balena del Nord Atlantico

La balena franca del Nord Atlantico è stata spostata dalla specie in pericolo di estinzione alla lista rossa dell’IUCN. Un tempo, nell’Oceano Atlantico si potevano trovare migliaia di balene, ma alla fine del 1880 erano state cacciate fino all’estinzione. Oggi rimangono solo circa 400.

Si stima che meno di 250 individui maturi siano arrivati vivi alla fine del 2018. La popolazione totale è diminuita di circa il 15% dal 2011. Questo declino è guidato da una combinazione di aumento della mortalità a causa dell’effetto entanglement, dovuto dagli attrezzi da pesca. Dal tasso di riproduzione, inferiore rispetto agli anni precedenti.

Anche i cambiamenti climatici sembrano esacerbare la minaccia di estinzione. Le temperature più calde del mare probabilmente hanno spinto le principali fonti alimentari più a nord durante l’estate. Secondo la IUCN lì, nel Golfo di San Lorenzo, le balene sono più esposte alle barche e agli attrezzi da pesca.

Attraverso un dispositivo “patient monitoring” fissato ad una balena è stato dimostrato come gli attrezzi da pesca cambiano il comportamento in  immersione e nuoto di una balena. Tali attrezzi ostacolano la capacità delle balene di mangiare e migrare oltre a provocare una morte lenta. Tra il 2012 e il 2016, dei 30 decessi causati dall’uomo confermati, 26 sono dovuti a questo fenomeno.

Il criceto europeo

Precedentemente abbondante in Europa e Russia, il criceto europeo (Cricetus cricetus) ha subito un forte declino della popolazione in tutta la sua gamma. Ed è ora elencato come in pericolo critico nella lista IUCN. Gli studi hanno dimostrato che il calo della popolazione è probabilmente dovuto a tassi di riproduzione più bassi.

Mentre un criceto femmina contava in media più di 20 figli all’anno per la maggior parte del 20 ° secolo, è stato osservato che le femmine danno alla luce solo da 5 a 6 figli ogni anno. Le ragioni di questi tassi di riproduzione ridotti non sono ancora completamente comprese. Ma l’espansione delle piantagioni di monocoltura, lo sviluppo industriale, il riscaldamento globale e l’inquinamento luminoso sono allo studio come possibili cause.

Di conseguenza, il roditore è scomparso da tre quarti del suo habitat originale nella regione francese dell’Alsazia. Da almeno un terzo della sua gamma in Germania e da oltre il 75% della sua gamma in Europa. Se non cambia nulla, la specie potrebbe scomparire nei prossimi 30 anni.

Il fungo più costoso del mondo 

Il fungo più costoso del mondo, cordyceps (Ophiocordyceps sinensis), è entrato nella Lista Rossa IUCN nella categoria Vulnerable. Le popolazioni di funghi Cordyceps sono diminuite di almeno il 30% negli ultimi 15 anni. Cresce sulle montagne del Tibet,  nei terreni prativi dell’Himalaya e di altre elevate catene montuose della Cina, del Tibet e del Nepal.

Il micelio è racchiuso nella larva mummificata di un lepidottero, da cui il fungo germina. È molto raro ed è stato molto “venerato” nel corso dei millenni per le sue caratteristiche camaleontiche e per le sue proprietà terapeutiche.

Molto apprezzato nella medicina tradizionale cinese, dove è stato usato per oltre 2000 anni per curare molte malattie. Comprese quelle legate ai reni e ai polmoni. La domanda è aumentata drammaticamente dagli anni ’90. Negli ultimi due decenni è diventato la principale fonte di sostentamento per migliaia di persone nelle aree in cui cresce.

La lista rossa IUCN

La Lista rossa IUCN è una risorsa preziosa per guidare le azioni di conservazione , funge da controllo sanitario per il nostro pianeta. Rappresenta la fonte di informazione più completa al mondo sullo stato di conservazione globale di fauna e flora. Si basa su un sistema oggettivo per la valutazione del rischio di estinzione di una specie. Qualora non fosse intrapresa alcuna azione di conservazione.

Le specie sono assegnate a una delle otto categorie di minacce in base al fatto che soddisfino criteri legati all’andamento della popolazione. Alle dimensioni e alla struttura della popolazione e alla gamma geografica. Le specie vengono classificate come: in pericolo critico, in pericolo o vulnerabili. Non è solo un registro di nomi e categorie di minacce associate.

È un ricco compendio di informazioni sulle minacce alle specie. I loro requisiti ecologici. Dove vivono e informazioni sulle azioni di conservazione che possono essere utilizzate per ridurre o prevenire le estinzioni. La Lista Rossa IUCN è uno sforzo congiunto tra IUCN e la sua Commissione di sopravvivenza alle specie.

Partner in collaborazione:  Arizona State UniversityBirdLife InternationalBotanic Gardens Conservation International. Conservation InternationalNatureServeRoyal Botanic Gardens, KewSapienza Università di RomaTexas A&M University e Zoological Society di Londra.

Felicia Bruscino

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *