I “NoIusSoli” che provocano ma non spaventano

Nei giorni all'insegna dell’impegno per l’approvazione della legge sulla cittadinanza aumentano, ovviamente, le spinte di segno opposto.

Fonte: Twitter
0

Il fatto

Lo schieramento NoIusSoli torna alla carica. Una manciata di ore fa abbiamo trovato sotto ai nostri precedenti articoli, che informavano sulle più recenti attività a sostegno dello ius soli, due commenti che vale la pena discutere con voi. Si trattava di un link che rimanda ad una petizione attiva sul sito Change.org dal titolo “gli Italiani dicono NO allo Ius Soli”. Il collegamento era preceduto da una frase scritta in maiuscolo che diceva: “FIRMA CONTRO LO IUS SOLI CHE TRASFORMEREBBE L’ITALIA NELLA SALA PARTO DELL’ AFRIKA E DEL MONDO …” o qualcosa del genere. Perdonerete l’imprecisione. Ma non sulla K. La K in “Afrika” era indubbiamente presente. Dato che erano due commenti uguali e ugualmente offensivi, abbiamo subito provveduto a segnalarli come spam, rimuovendoli. Se il commento dunque risultava inutilmente provocatorio tutt’altro discorso va fatto per la petizione. Scopriamone i punti insieme.

 

Fonte: Pixr8

La petizione NoIusSoli

È indirizzata “Alla presidenza della repubblica Sergio Mattarella” ed è stata lanciata 3 mesi fa. I numeri sono davvero preoccupanti. Il dato è di quasi 197.000 sostenitori e, con grande disappunto si può constatare che aumenta a vista d’occhio. Questa mattina erano “solo” 192.000. L’obiettivo della petizione è di arrivare alle 200.000 firme e viene perseguito con le solite strategie di sempre: disinformazione e strumentalizzazione. C’è anche un messaggio da parte dei promotori che invitano all’adesione e sarebbe stata buona cosa contestarne i punti. Tuttavia ciò richiederebbe un inutile dispendio di energie dato che prima si dovrebbe impiegare del tempo a chiarire i contenuti del loro messaggio, esposti in maniera frammentaria, incompleta, confusa. Per questo parleremo brevemente del punto principale.

 

Related Posts

Botta e risposta

Il messaggio esordisce con queste parole “PER CHIAREZZA: Il decreto darà la cittadinanza ai figli nati sul suolo italiano da genitori stranieri ancora non cittadini e sotto vari status”. Magari. Queste infatti sono le prerogative dello ius soli puro (vigente, ad esempio, negli USA), dove chi nasce nel territorio di un certo stato ottiene automaticamente la cittadinanza. Purtroppo nella versione italiana del testo, lo ius soli è contenuto nella sua forma temperata. Allora accadono due cose: o i promotori non conoscono la materia che trattano o la conoscono e la strumentalizzano di proposito.

Cosa si può fare?

Questa domanda è stata già posta in un precedente articolo. Tornando a noi, mettiamo a vostra disposizione il link della petizione per chiunque voglia segnalarla come abbiamo già fatto noi. Quasi infondo alla pagina, sotto ai commenti, in un carattere piccolo piccolo troverete la dicitura: “Riportare una violazione delle politiche”. Accedete, cliccate e segnalate.

 

 

Giorgio Russo

Leave A Reply

Your email address will not be published.

Cliccando su Accetta, acconsenti all'utilizzo dei cookie e di eventuali dati sensibili da parte nostra; secondo le normative vigenti GDPR. More Info

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi