Il sonno REM può aiutare il cervello a dimenticare?

Sonno REM: di cosa si tratta?

La maggior parte dei sogni avviene durante il rapido movimento degli occhi (REM). Durante questa fase del sonno, gli occhi si muovono e le onde cerebrali sembrano simili a quelle quando sono sveglie. I muscoli sono inattivi, ma la frequenza cardiaca e la respirazione si addolcino. Questa fase di sonno unica si verifica per la prima volta circa 90 minuti dopo essersi addormentati. Una singola notte di sonno può avere diversi cicli di sonno che includono il sonno REM.

Il sonno REM è vitale per conservare i ricordi

I ricercatori sospettano da tempo che il sonno REM sia vitale per conservare i ricordi. Il sonno, incluso il sonno REM, può essere un momento in cui il cervello dimentica attivamente le informazioni in eccesso per prevenire il sovraccarico. Questa idea è supportata da recenti studi sui topi che mostrano che, durante il sonno, il cervello taglia via le connessioni tra i neuroni coinvolti in alcuni tipi di apprendimento.

Un gruppo di ricerca guidato dal Dr. Thomas Kilduff del SRI International ha collaborato con due team giapponesi per esplorare i circuiti cerebrali coinvolti nella memorizzazione della memoria mentre sognavano. I risultati sono stati pubblicati su Science.

Conduzione dello studio

I ricercatori hanno utilizzato uno speciale processo di colorazione per identificare i neuroni che si sono estesi in una regione cerebrale critica per la memoria, l’ippocampo. Questi neuroni, che producono l’ormone di concentrazione della melanina (MCH), sono noti per essere coinvolti sia nel sonno che nell’appetito. Il team sospettava che questi neuroni MCH potessero anche giocare un ruolo nella memoria e nell’apprendimento.




Hanno quindi utilizzato strumenti genetici per accendere e spegnere i singoli neuroni MCH nei topi durante le attività di memoria. Ciò includeva la valutazione della capacità dei topi di distinguere nuovi oggetti da quelli familiari. I topi trascorreranno più tempo esplorando un nuovo oggetto se sono in grado di ricordare quelli familiari.

Quando i neuroni MCH sono stati accesi durante la ritenzione della memoria, il periodo successivo all’apprendimento di qualcosa di nuovo ma prima che le informazioni fossero fissate nella memoria a lungo termine, la memoria dei topi è peggiorata. Hanno passato meno tempo a fiutare nuovi oggetti, poiché quelli familiari sembravano nuovi per loro. Spegnere o eliminare i neuroni MCH migliorava del tutto la memoria. Di conseguenza, i topi hanno esplorato i nuovi oggetti più a lungo.

Quando venivano spenti i neuroni MCH?

I ricercatori hanno anche scoperto che gli effetti erano esclusivi del sonno REM. I topi hanno funzionato meglio nelle attività di memoria quando i neuroni MCH sono stati spenti durante il sonno REM, ma spegnere i neuroni mentre i topi erano svegli o in altri stati del sonno non ha avuto alcun effetto sulla memoria.

Conclusioni

Questi risultati suggeriscono che i neuroni MCH aiutano il cervello a dimenticare attivamente nuove informazioni, possibilmente non importanti. “Poiché si pensa che i sogni si verifichino principalmente durante il sonno REM, la fase di sonno quando le cellule MCH si attivano, l’attivazione di queste cellule può impedire che il contenuto di un sogno venga memorizzato nell’ippocampo. Di conseguenza, il sogno viene rapidamente dimenticato.

Agostino Fernicola

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *