L’interno di Saturno: uno sguardo al modello della Johns Hopkins University

Lo studio sull’interno di Saturno é stato pubblicato su AGU Advances.

Scende la pioggia

L'interno di Saturno con strato insolubile di elio stabile. (credits:Credits: Yi Zheng, HEMI/MICA Extreme Arts Program
L’interno di Saturno con strato insolubile di elio stabile. (credits:Credits: Yi Zheng, HEMI/MICA Extreme Arts Program

Le nuove simulazioni della Johns Hopkins University offrono uno sguardo intrigante all’interno di Saturno. Il modello suggerisce che lo spesso strato di pioggia di elio influenza il campo magnetico del pianeta. Lo studio mostra anche come l’interno di Saturno presenterebbe temperature più elevate nella regione equatoriale. A latitudini elevate, nella parte superiore dello strato di pioggia di elio, le temperature sono più basse. È notoriamente difficile studiare le strutture interne di grandi pianeti gassosi, ma scoperte come questa fanno avanzare la mappatura delle regioni nascoste di Saturno.




Questione di simmetria

“Studiando come si è formato Saturno e come si è evoluto nel tempo possiamo imparare molto sulla formazione di altri pianeti simili a Saturno all’interno del nostro sistema solare, così come al di là di esso”, ha detto la coautrice Sabine Stanley. Saturno si distingue tra i pianeti del nostro sistema perché il suo campo magnetico sembra essere quasi perfettamente simmetrico attorno all’asse di rotazione. “Misurazioni dettagliate del campo magnetico raccolte dalle ultime orbite della missione Cassini della NASA forniscono un’opportunità per comprendere meglio l’interno profondo del pianeta” dove viene generato il campo magnetico, afferma l’autore principale Chi Yan.

Una dinamo planetaria

Interno di Saturno:1
Interno di Saturno: Il campo magnetico di Saturno visto in superficie. (Credits: Ankit Barik/Johns Hopkins University)

Inserendo i dati raccolti dalla missione Cassini in potenti simulazioni al computer simili a quelle utilizzate per studiare il meteo e il clima, Yan e Stanley hanno esplorato quali ingredienti sono necessari per produrre la dinamo – il meccanismo di conversione elettromagnetica – che potrebbe spiegare il campo magnetico di Saturno. “Una cosa che abbiamo scoperto è stata la sensibilità del modello a cose molto specifiche come la temperatura”, ha detto Stanley. “Questo significa che abbiamo un’apertura davvero interessante verso l’interno profondo di Saturno fino a 20.000 chilometri di profondità. È una specie di visione a raggi X”.

Un’eccezione polare

Sorprendentemente, le simulazioni di Yan e Stanley suggeriscono che un leggero grado di non-assimetria potrebbe effettivamente esistere vicino ai poli nord e sud di Saturno. “Anche se le osservazioni che abbiamo da Saturno sembrano perfettamente simmetriche, nelle nostre simulazioni al computer possiamo interrogare completamente il campo”, ha detto Stanley. L’osservazione diretta ai poli sarebbe necessaria per confermarlo, ma la scoperta potrebbe avere implicazioni per la comprensione di un altro problema che ha tormentato gli scienziati per decenni: come misurare la velocità di rotazione di Saturno, o, in altre parole, la lunghezza di un giorno. sul pianeta.

Daniele Tolu

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *