Polmoni e cucina: cuocere a legna potrebbe danneggiare la salute

Lo studio su polmoni e cucina è stato presentato al meeting annuale della Radiological Society of North America.




Il delitto del legname

Polmoni e cucina hanno spesso poco a che fare. Di sicuro non assoceremmo mai l’atto del cucinare agli organi della respirazione. Ma il legame c’è, e purtroppo è dato dai danni causati dall’uso di biomasse combustibili nella preparazione del cibo. In una sola parola: legna. L’imaging avanzato con la Tomografia computerizzata mostra che le persone che cucinano con combustibili da biomassa come il legno rischiano danni considerevoli ai polmoni a causa della respirazione in concentrazioni pericolose di sostanze inquinanti e tossine batteriche. Lo spiega uno studio presentato all’incontro annuale della Radiological Society of Nord America (RSNA). Circa 3 miliardi di persone in tutto il mondo cucinano con biomasse, come legno o sterpaglie secche. Gli inquinanti prodotti da questo tipo di cottura  contribuiscono in modo determinante ai 4 milioni di morti annui stimati  per malattie legate all’inquinamento dell’aria domestica.

Conoscere per cambiare

Polmoni e cucina: Posizione della cucina che mostra il fornello e i combustibili a legna utilizzati; manca la ventilazione sufficiente per eliminare i sottoprodotti del fumo causati dall'uso di combustibile da biomassa. (credit: Radiological Society of North America)
Polmoni e cucina: Posizione della cucina che mostra il fornello e i combustibili a legna utilizzati; manca la ventilazione sufficiente per eliminare i sottoprodotti del fumo causati dall’uso di combustibile da biomassa. (credit: Radiological Society of North America)

Molte iniziative di salute pubblica hanno cercato di fornire supporto alla transizione dalle biomasse combustibili al gas di petrolio liquefatto (una combustione più pulita). Però, un numero significativo di case continua a utilizzare combustibili da biomassa. I vincoli finanziari e la riluttanza a cambiare le abitudini consolidate sono fattori cruciali. Questo si combina con la mancanza di informazione sull’impatto che il fumo da biomassa può avere sulla salute dei polmoni. “È importante rilevare, comprendere e invertire le prime alterazioni che si sviluppano in risposta all’esposizione cronica alle emissioni di combustibili da biomassa”, ha detto il coautore dello studio Abhilash Kizhakke Puliyakote. Un team multidisciplinare guidato da Eric A. Hoffman ha quindi studiato l’impatto degli inquinanti dei fornelli su 23 persone che cucinano con gas  o con legna a Thanjavur, India.

Scansioni stonate

I ricercatori hanno misurato le concentrazioni di inquinanti nelle case e subito dopo la funzione polmonare degli individui, utilizzando test tradizionali come la spirometria. Hanno anche utilizzato la scansione tomografica avanzata per effettuare misurazioni quantitative: ad esempio, hanno acquisito una scansione quando la persona inalava e un’altra dopo aver espirato. Così hanno misurato la differenza tra le immagini per vedere come funzionavano i polmoni. L’analisi ha mostrato che chi cucinava con legna e altri combustibili affini era esposto a maggiori concentrazioni di inquinanti ed endotossine batteriche rispetto agli utenti della cucina a gas. Avevano anche un livello significativamente più alto di aria intrappolata nei polmoni, una condizione associata a malattie polmonari.

Danni significativi

Polmoni e cucina: 3
Polmoni e cucina: Viste di Hyperion e misura della probabilità di malattia (DPM: Vida Diagnostics, Coralville, Iowa) in due individui che cucinano con gas di petrolio liquefatto (riga superiore) e due cuochi da biomassa vulnerabili alla malattia (riga inferiore). Le immagini dei singoli pazienti vengono visualizzate su entrambi i lati delle mappe DPM. Il verde e il giallo corrispondono rispettivamente alle regioni normali e intrappolate d’aria. Dalle viste di Hyperion, si può vedere un grande cambiamento di volume e una maggiore densità polmonare dalle immagini TLC a quelle RV che mancano nei confronti delle immagini per i cuochi di biomassa. Le viste di Hyperion mappano le vie aeree tridimensionali su una superficie piana in modo che la loro relazione con i tessuti polmonari anormali possa essere meglio apprezzata dal radiologo. (Credits: Radiological Society of North America)

“L’intrappolamento dell’aria si verifica quando una parte del polmone non è in grado di scambiare aria in modo efficiente con l’ambiente, quindi la prossima volta che inspiri, non stai ricevendo abbastanza ossigeno in quella regione ed eliminando l’anidride carbonica”, ha detto il dottor Kizhakke Puliyakote. “Quella parte del polmone ha alterato lo scambio di gas.” I ricercatori hanno individuato un sottoinsieme più piccolo degli utenti che cucinavano a legna. Le persona in questione hanno livelli molto elevati di intrappolamento d’aria e una meccanica dei tessuti anormale, anche rispetto ad altri utenti di biomassa. In circa un terzo del gruppo, più del 50% dell’aria inalata è rimasta intrappolata nei polmoni. “Questa maggiore sensibilità in un sottogruppo è vista anche in altri studi sui fumatori di tabacco, e potrebbe esserci una base genetica che predispone alcuni individui ad essere più suscettibili al loro ambiente”, ha detto il dottor  Puliyakote.



Il potere della tomografia

La TC ha aggiunto importanti informazioni sul legame tra polmoni e cucina che è stato sottovalutato dai test convenzionali. “L’entità dei danni provocati dai combustibili da biomassa non è ben rilevata dai test tradizionali”, ha affermato Puliyakote. “Sono necessarie tecniche più avanzate e sensibili come l’imaging TC. Il vantaggio principale dell’utilizzo dell’imaging è che è così sensibile da rilevare sottili cambiamenti regionali prima che progrediscano verso la malattia vera e propria. Si può seguire la progressione della malattia in brevi periodi di tempo . ” La mancanza di enfisema nel gruppo di studio suggerisce che l’esposizione al fumo  influenza le piccole vie aeree nei polmoni sebbene siano necessarie ulteriori ricerche. Indipendentemente, i risultati dello studio sottolineano l’importanza di ridurre al minimo l’esposizione al fumo. Anche in assenza di sintomi evidenti o difficoltà respiratorie, il polmone può avere lesioni e infiammazioni che possono non essere rilevate e potenzialmente irrisolte in alcune persone.

“Per le persone esposte al fumo da biomassa per un periodo prolungato è fondamentale avere una valutazione completa della funzione polmonare da parte degli operatori sanitari per garantire che qualsiasi potenziale lesione possa essere risolta con interventi appropriati”, sottolinea Puliyakote. Anche se lo studio si concentra sulla cottura con biomassa, i risultati hanno importanti implicazioni per l’esposizione al fumo analogo da altre fonti, inclusi gli incendi. “In concomitanza con la crescente prevalenza di fumo da biomassa a causa di incendi negli Stati Uniti, questo studio può fornire preziose informazioni su progetti di studio simili che servono a capire quello che è certamente un attacco crescente alla salute polmonare”.



Daniele Tolu

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *